Carcere di Taranto: un manicomio pieno di pazzi

carcere di taranto

A questo punto il SAPPE  sindacato autonomo polizia penitenziaria non ci sta più e chiede l’intervento urgente del Prefetto e del Procuratore della Repubblica poiché non è più possibile accettare che un carcere che dovrebbe essere un luogo  per l’espiazione della pena per chi commette reati,  si trasformi in un vero e proprio manicomio con detenuti pazzi con “licenza di uccidere” poiché tanto poi non pagheranno nulla.

Non bastava il fatto che il carcere di Taranto sia   il carcere più affollato della nazione con circa 600 detenuti a fronte di non più di 300 posti regolamentari .

Non bastava il fatto che  a tale drammatica situazione  si contrappone   la minor percentuale agente/detenuto della nazione  grazie anche alla irresponsabilità del vertici del DAP(Santi Consoli, Buffa, De Gregorio) e del peggior ministro della giustizia “ORLANDO”  che dalla sera alla mattina dalle loro ovattate e climatizzate stanza dei bottoni,  hanno deciso di diminuire l’organico dei poliziotti  dai 357 del 2001( 340 del  2013)  ai 277 del 2017(ben 80 agenti in meno) odierni.

Da quando poi hanno chiuso i manicomi criminali i pazzi vengono buttati nelle carceri normali   e così anche Taranto insieme ad altre carceri della regione,  è  diventato anche un manicomio in cui molti  di detenuti con seri problemi psichiatrici, creano caos e difficoltà ai poliziotti ed alla restante popolazione detenuta.

Eppure esiste una legge dello stato che ha trasmesso  tutte le incombenze  sanitarie inerenti i detenuti  all’ASL che,   dovrebbe gestire h.24 questi pazzi, ma nei fatti non destina a loro che pochi minuti al giorno di specialisti   psichiatrici.

Così i poliziotti di Taranto che già da soli devono gestire più sezioni detentive(circa 200 detenuti) , sono alla mercè di questi pazzi  che si permettono di minacciarli, finanche  aggredirli provocando loro  lesioni anche gravi.

Sono decine i poliziotti che a Taranto hanno dovuto far ricorso alle cure del pronto soccorso dopo essere stati attaccati da questi pazzi  che non hanno nulla da perdere, senza dimenticare che qualche mese fa si sfiorò la tragedia  con uno di questi che,  fu fermato all’ultimo momento mentre cercava di colpire  alla gola  un educatore con un pezzo di vetro.

Il SAPPE chiede perciò alla Procura di Taranto di intervenire per verificare eventuali violazioni od omissioni  da parte dell’ASL di Taranto che non rispetta la legge sull’assistenza  dei malati psichiatrici , nonché verificare se il taglio drastico di organico operato dai dirigenti del DAP  e dal  Ministro Orlando,  non abbia messo a repentaglio la sicurezza dei poliziotti, dei detenuti ristretti, nonchè della cittadinanza di Taranto.

Al Prefetto si chiede di convocare con la massima urgenza  sia il dirigente generale dell’ASL di Taranto che  i vertici dell’Amministrazione penitenziaria acchè ognuno per la propria parte  di competenza, prenda i dovuti provvedimenti  poiché la situazione è diventata insostenibile.

Il SAPPE si augura che sulla questione carcere di Taranto vengano alzate le antenne da parte degli organi competenti, anche se i responsabili di questa situazione, alcuni dei quali siedono ancora negli scranni del DAP, sono facilmente individuabili ed in caso di eventi critici e drammatici ne risponderanno dinnanzi alla legge. 

 

File Allegato

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.