Taranto, cade un drone nel carcere: trasportava telefoni cellulari e droga

Purtroppo le denunce del SAPPE sindacato autonomo polizia penitenziaria  sulla drammatica situazione del carcere di Taranto, dovuta al sovraffollamento ed alla gravissima carenza di poliziotti  trovano riscontri sempre più evidenti e pericolosi.

Peccato che alle denunce del SAPPE il vertici del DAP  se ne fottono altamente, ignorando volutamente  che si è’ arrivati al capolinea.

Non bastavano gli eventi critici: aggressioni, autolesionismo, suicidi e tentati suicidi, pazzi con licenza di uccidere ecc.ecc.

Eppure lo abbiamo denunciato da diverso tempo che la  tecnologia si è messa al servizio  della malavita per  cui far entrare materiale vietato, è diventata  la cosa più  facile e meno rischiosa per i detenuti consci che  la sicurezza  del carcere è  scesa a livelli molto pericolosi.

Infatti  ci è stato riferito che nella giornata di ieri sera intorno alle 22 circa,  utilizzando un drone, hanno tentato di far entrare dei mini telefonini  e dei wurstel infarciti di droga  direttamente in una stanza  del terzo piano all’interno del carcere.

L’ingegnoso piano prevedeva anche il diversivo di fuochi artificiali fatti esplodere all’esterno del carcere,  mentre il piccolo drone veniva guidato  nel posto giusto, attraverso la fiammella di un accendino che il detenuto  aveva acceso dalla finestra della propria cella.

Sfortunatamente per il detenuto l’apparecchio prima di arrivare  a destinazione è incappato in dei fili ed è caduto permettendo all’unico agente di servizio al piano(tre sezioni e circa 200 detenuti) di accorrere e dare l’allarme.

Da tempo il SAPPE  chiede interventi concreti anche contro questo fenomeno che non è   presente non solo  a Taranto, ma anche in altre carceri della Regione a partire da Bari, chiedendo all’amministrazione di correre ai ripari, ma inutilmente.

Non si sappiamo  se questo sia stato il primo tentativo  a Taranto, poiché a seguito della carenza di poliziotti  il muro di cinta è pressochè  sguarnito,

e  l’unico  agente  che viene utilizzato per la ronda, il più delle volte deve fare anche altre  cose.

A questo punto il SAPPE si chiede cosa deve succedere ancora affinchè i vertici del DAP il Ministro della Giustizia si sveglino  e prendano provvedimenti?

Più volte il SAPPE è stato tacciato di provocare  allarmismo, ma dire le cose come stanno denunciando quanto avviene giornalmente nel carcere di Taranto come nelle altre carceri pugliesi,( colpevolmente sguarniti,) è allarmismo?  o è un estremo  grido di allarme che  purtroppo  viene  lanciato nel vuoto  vista  l’indifferenza di istituzioni e DAP?

Nei giorni scorsi il SAPPE aveva chiesto l’intervento della magistratura  nei confronti di chi ha voluto questa situazione, parliamo del ministro Orlando e dei vertici del DAP, qualcuno dei quali è ancora insediato sulla sua poltrona, ora si chiede che il prefetto , convochi con urgenza un comitato sull’ordine e sicurezza pubblica sulla situazione del carcere di Taranto, poiché la  pericolosa situazione del carcere sta  degenerando sempre di più, per cui  non è più una “cosa loro” dei vertici del DAP, ma un problema di sicurezza per la città di Taranto.

Federico Pilagatti, Segretario nazionale SAPPE per la Puglia

File Allegato

Be the first to comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.