Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

CATANZARO, TENTATIVO DI SUICIDIO NEL CARCERE MINORILE

AVERSA. NELL'OPG "FILIPPO SAPORITO" TRASFERITI DETENUTI DEL CARCERE DI POGGIOREALE

LECCE, CI SONO 500MILA EURO PER CURARE I DETENUTI, MA L'ASL FA FINTA DI NIENTE

PADOVA, SPACCIATORE CON LA TBC EVADE DALL'OSPEDALE

VERCELLI, L'ADDIO DEL CORPO ALL'ASSISTENTE GAETANO ROSSO

"SIGNORI DEL DAP, NOI ABBIAMO SALVATO DAL SUICIDIO 5MILA DETENUTI". IL SAPPE REPLICA ALLE OMISSIONI PUBBLICHE DEL DAP...

IL PREOCCUPANTE RAPPORTO DEL SAPPE. A SANREMO IL MAGGIOR NUMERO DI ATTI AUTOLESIONISTICI

CATANZARO, TENTA IL SUICIDIO DUE VOLTE NEL CARCERE MINORILE

SUICIDI IN CARCERE, SAPPE: ?PERCHE? AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIMENTICA SEMPRE DI CITARE QUELLI SVENTATI DA POLIZIOTTI PENITENZIARI?"

BOLOGNA, DETENUTO KARATEKA STENDE TRE AGENTI

VASTO, DETENUTO DA' IN ESCANDESCENZE E MANDA QUATTRO AGENTI ALL'OSPEDALE

ALESSANDRIA, LANCIA BOMBOLE CONTRO GLI AGENTI IN CARCERE

CARCERI,IL PAPA CHIEDE L'AMNISTIA "MISERICORDIA PER IL GIUBILEO"

IL VERGOGNOSO VALZER DEI DETENUTI PSICHIATRICI. IL SEGRETARIO GENERALE DEL SAPPE INTERVISTATO DA PANORAMA

SAVONA, TROPPI DETENUTI E POCO PERSONALE IL SANT'AGOSTINO E' A RISCHIO

SPEZIA, RECORD DI DETENUTI STRANIERI

COMO, ACCUSATO DI TENTATO OMICIDIO SI UCCIDE IN CELLA 24 ORE DOPO L'ARRESTO

LECCE, NUOVI STRUMENTI PER IL CARCERE MA GLI EUROFONDI SONO INUTILIZZATI

TERNI, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO IN CELLA

CASSINO, AGENTE AGGREDITO IN CARCERE INSORGONO I SINDACATI

AUGUSTA, RICHIESTA SOSPENSIONE IMMEDITATA DI INTERPELLO PER UFFICIO SEGRETERIA

BENEVENTO, SAPPE: "STOP ALLE AGGRESSIONI IN CARCERE CONTRO GLI AGENTI"

CASSINO, AGENTE PICCHIATO, FINISCE IN OSPEDALE

VENETO, DROGA: "TERAPIA SI', LEGALIZZAZIONE NO"

CUNEO, AGENTE FERITO DA UN DETENUTO AL CERIALDO "ORA BASTA"

TERAMO, DETENUTO PSICHIATRICO AGGREDISCE DUE AGENTI

"SEI SUICIDI IN UN SOLO MESE, NELLE CARCERI E' EMERGENZA"

TERAMO, DETENUTO PSICHIATRICO AGGREDISCE DUE AGENTI

CREMONA, SAPPE: "CHI TEME LE ISPEZIONI?"

AOSTA, CERCA DI SCAPPARE DOPO L'ARRESTO

>>   Intervista a Giovanni Battista DURANTE (Sappe) sulla situazione delle carceri e della Polizia Penitenziaria.


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 12/2015








Pensione privilegiata di reversibilità


CHE COSA E'

Prestazione erogata ai superstiti del personale della Polizia Penitenziaria. deceduto in attività di servizio o in quiescenza per "causa mortis" riconosciuta dipendente da fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.


CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente, secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili, non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio, nei casi di morte del dipendente in attività di servizio per causa violenta, nell'adempimento degli obblighi di servizio, (art.184 del T. U 1092/73)

In tutti gli altri casi, su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti, (art. 191 del T.U. 1092/73)


DECORRENZA

Dalla data del decesso ovvero dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda, qualora quest'ultima, se necessaria, sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.


COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Al coniuge e agli orfani minori del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di esso è attribuito per la durata di un triennio dal decesso un trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria e successivamente la pensione privilegiata di riversibilità

Ai superstiti del dipendente deceduto in pensione, per infermità dipendente da fatti di servizio spetta la pensione privilegiata di riversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibiltà applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.


COMPETENZA

DAP, che dopo aver acquisito la documentazione sanitaria ed amministrativa, nonché il parere del Comitato per le Pensioni Privilegiate Ordinarie, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.