Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

AVELLINO, NON GLI CAMBIANO CELLA E AGGREDISCE AGENTE PENITENZIARIO, DENUNCIA DEL SAPPE

SOPPRESSIONE IPM LECCE, IL DECRETO DEL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

CREMONA, FERITE CON LA LAMETTA SALVATO UN DETENUTO

TERNI, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO VIENE SALVATO DAI POLIZIOTTI

RIETI, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO IN BAGNO, SALVATO

AVELLINO, AGENTE PENITENZIARIO AGGREDITO DA DETENUTO

TERNI, ALTA TENSIONE DIETRO LE SBARRE DETENUTO MINACCIA DI MORTE UN AGENTE DELLA PENITENZIARIA

CARCERE DI BELLIZZI IRPINO, DETENUTO AGGREDISCE AGENTE DELLA PENITENZIARIA

DOMANI A ROMA LA PROTESTA DEGLI AGENTI DELLA PENITENZIARIA

TERNI, "SITUAZIONE ESPLOSIVA AL CARCERE DI SABBIONE"

TERNI, CELEBRATO IL GIUBILEO PER I DETENUTI, MA GLI AGENTI SONO IN STATO DI AGITAZIONE

CARCERE DI TARANTO, DAL 1 GIUGNO SCIOPERO DELLA FAME DEI POLIZIOTTI

PERUGIA, SOPPRESSIONE PRAP. VERBALE RIUNIONE SINDACALE DEL 18 MAGGIO 2016

CERIMONIA CELEBRATIVA DELL'ANNUALE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA 2016 IL 7 GIUGNO (SEMPRE NELLA SCUOLA DI VIA DI BRAVA A ROMA)

CARCERI, DAVANTI AL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LA PROTESTA DELLA POLIZIA PENITENZIARI ADERENTE AL SAPPE: ?ASSUNZIONE STRAORDINARIA PER 1.000 AGENTI?. RICORDATE LE VITTIME DELLA STRAGE DI CAPACI

MOBILITÀ A DOMANDA INTERPELLO ORDINARIO ANNO 2014: RUOLO ISPETTORI E SOVRINTENDENTI

SICUREZZA DELLE CARCERI: IMPIEGO E SORVOLO DRONI

CARCERI, LUNEDI 23 MAGGIO A ROMA MANIFESTAZIONE DEL SINDACATO AUTONOMO POLIZIA PENITENZIARIA: ?DOPO CONCORSO TRUFFA, ASSUNZIONE STRAORDINARIA 1.000 AGENTI?

REVISIONE DEGLI ORDINAMENTI E DEI RUOLI DELLE FORZE DI POLIZIA, INCONTRO AL DAP DEL 19 MAGGIO 2016

ESITI COMMISSIONE RICOMPENSE, SEDUTA DEL 18.05.2016

CONCORSO 300+100 AGENTI: SUL CONCORSO L'OMBRA DI GOMORRA E DELLA CAMORRA...

BANCALI, DETENUTO STRANIERO LANCIA FECI AD AGENTE A SASSARI

DALLA PUGLIA UNA IMPORTANTE INIZIATIVA - CAUSE DI SERVIZIO, IL SAPPE ALLA RISCOSSA. I MIGLIORI PROFESSIONISTI PER IL MIGLIOR SINDACATO

CALTANISSETTA, STATO DI AGITAZIONE UNITARIO DEL PERSONALE

INNEGGIA AD ALLAH E ISIS, PORTATO A FOSSOMBRONE

ACCORDO F.E.S.I. 2015 - ISTRUZIONI OPERATIVE

ALLE NOVATE UN DETENUTO SI CONFICCA CHIODO IN TESTA

LIGURIA, GARANTE DEI DETENUTI IN REGIONE?

AFFETTIVITA E SESSO IN CARCERE, IL QUOTIDIANO IL TEMPO INTERVISTA DONATO CAPECE

INTITOLAZIONE C.P SECONDIGLIANO A PASQUALE MANDATO

>>   Storia della Penitenziaria: dalle Famiglie di Giustizia alla Nascita del SAPPE


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione privilegiata di reversibilità


CHE COSA E'

Prestazione erogata ai superstiti del personale della Polizia Penitenziaria. deceduto in attività di servizio o in quiescenza per "causa mortis" riconosciuta dipendente da fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.


CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente, secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili, non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio, nei casi di morte del dipendente in attività di servizio per causa violenta, nell'adempimento degli obblighi di servizio, (art.184 del T. U 1092/73)

In tutti gli altri casi, su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti, (art. 191 del T.U. 1092/73)


DECORRENZA

Dalla data del decesso ovvero dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda, qualora quest'ultima, se necessaria, sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.


COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Al coniuge e agli orfani minori del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di esso è attribuito per la durata di un triennio dal decesso un trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria e successivamente la pensione privilegiata di riversibilità

Ai superstiti del dipendente deceduto in pensione, per infermità dipendente da fatti di servizio spetta la pensione privilegiata di riversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibiltà applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.


COMPETENZA

DAP, che dopo aver acquisito la documentazione sanitaria ed amministrativa, nonché il parere del Comitato per le Pensioni Privilegiate Ordinarie, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.