Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

S. CATALDO, DETENUTO AGGREDISCE AGENTE

RIETI, BANDO ALLE CHIACCHIERE DEI SOLITI NOTI

MILANO, ARRESTATO IL DETENUTO EVASO

PORDENONE, POCA SICUREZZA IN CARCERE. INCONTRO A PADOVA IL 18.12.2014

TRE AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO A GAZZI

PADOVA, TELEFONINI E GRAPPA IN CELLA. LA DENUNCIA DEL SAPPE

RUOLO DIRETTIVO ORDINARIO E SPECIALE, RAPPORTI INFORMATIVI ANNO 2014

GENOVA MARASSI, E' PATRIZIA COSTA LA POLIZIOTTA DELL'ANNO

PRESO DETENUTO PERUVIANO EVASO A MILANO. ERA FUGGITO DA FATEBENEFRATELLI MENTRE ERA IN ATTESA INTERVENTO

S. CATALDO, DETENUTO AGGREDISCE AGENTE PENITENZIARIO DURANTE UN CONTROLLO

CIVITAVECCHIA, RECLUSO TENTA SUICIDIO: SALVATO DAGLI AGENTI

PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE IN PRIMA NOMINA DEI VICE ISPETTORI: NUOVE SEDI

ESITO PROVE SCRITTE CONCORSO INTERNO PER LA NOMINA ALLA QUALIFICA DI ISPETTORE SUPERIORE DEL RUOLO MASCHILE

MESSINA, TRE AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO

ARIANO, DROGA NEL REGALO DI NATALE

NOVARA, TENSIONE IN CARCERE "MANCA IL CONFRONTO CON LA DIREZIONE

RAPPORTI INFORMATIVI ANNO 2014: LE INDICAZIONI DEL SAPPE

LAVORO STRAORDINARIO PERSONALE POL.PEN. ESERCIZIO FINANZIARIO 2015

ENTE DI ASSISTENZA, SUSSIDI 2014: I SOLDI STANZIATI E RIPARTITI IN PERIFERIA

VARESE, AGENTI ARRESTATI. FATTO GRAVE, MA NON SI CRIMINALIZZI LA POLIZIA PENITENZIARIA

AIROLA E NISIDA: MAGGIORENNI TRASFERITI IN CARCERE MINORILI, C'È TENSIONE

MILANO, EVADE DALL'OSPEDALE PRIMA DELL'INTERVENTO

NOVARA, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE

PARMA, LETTO A FUOCO IN CELLA. AGENTI INTOSSICATI

PADOVA: CHIAVETTE USB E TELEFONINI IN CELLA

PESCARA, TENTA IL SUICIDIO IN CELLA. SALVATO DAGLI AGENTI

VARESE, ARRESTATI 5 AGENTI. SAPPE: "NON GETTARE FANGO. POLIZIA PENITENZIARIA E' SANA"

S. MARIA CAPUA V., CHIESTO VERTICE PER IL CARCERE

VERONA, PET THERAPY IN CARCERE. SAPPE: FATE LAVORARE I DETENUTI

SANTI CONSOLO IL NUOVO CAPO DAP, IL SAPPE A RAITRE, TRASFERIMENTI ISPETTORI...

>>   Alloggi fatiscenti Polizia Penitenziaria - Mi Manda RAI3


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 32/2014








Pensione privilegiata di reversibilità


CHE COSA E'

Prestazione erogata ai superstiti del personale della Polizia Penitenziaria. deceduto in attività di servizio o in quiescenza per "causa mortis" riconosciuta dipendente da fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.


CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente, secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili, non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio, nei casi di morte del dipendente in attività di servizio per causa violenta, nell'adempimento degli obblighi di servizio, (art.184 del T. U 1092/73)

In tutti gli altri casi, su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti, (art. 191 del T.U. 1092/73)


DECORRENZA

Dalla data del decesso ovvero dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda, qualora quest'ultima, se necessaria, sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.


COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Al coniuge e agli orfani minori del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di esso è attribuito per la durata di un triennio dal decesso un trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria e successivamente la pensione privilegiata di riversibilità

Ai superstiti del dipendente deceduto in pensione, per infermità dipendente da fatti di servizio spetta la pensione privilegiata di riversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibiltà applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.


COMPETENZA

DAP, che dopo aver acquisito la documentazione sanitaria ed amministrativa, nonché il parere del Comitato per le Pensioni Privilegiate Ordinarie, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.