Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

S. MARIA CAPUA VETERE: TANTO TUONO' CHE PIOVVE...

IMPERIA, DOPPIO EVENTO CRITICO IN CARCERE. E I POLIZIOTTI USANO, PER SERVIZIO, LE AUTO PERSONALI...

PORDENONE. STUPRATORE EVASO VIOLENTA ANCORA: PER IL CARCERE NON ERA PERICOLOSO

POGGIOREALE. "NESSUN PESTAGGIO IN CARCERE"

PORDENONE. RI-ARRESTATO IL TUNISINO CHE ERA EVASO E' POLEMICA

PORDENONE. SORVEGLIANZA, BUFERA SUL CARCERE "MA NON ERA LIBERO DI GIRARE"

PORDENONE. IL DIRETTORE SI DIFENDE: "ERA SOTTO CONTROLLO"

PORDENONE. EVADE DAL CARCERE E VIOLENTA UNA DONNA IL 28ENNE TUNISINO ARRESTATO NEL PADOVANO

MODENA: "SICUREZZA E POLIZIA PENITENZIARIA UN IMPEGNO DA PORTARE IN REGIONE"

PILLOLE- SAPPE: "SEIMILA DETENUTI IN SICILIA, IL 16% E' TOSSICODIPENDENTE"

TRENTO, IN CARCERE CON L'EROINA IN BOCCA

PORDENONE. FERMATO L'EVASO HA VIOLENTATO UNA DONNA

TRENTO, ENTRA IN CARCERE CON L'EROINA NASCOSTA NELLA BOCCA

MONTORIO, TROPPI DETENUTI E LE CELLE RESTANO APERTE

MODENA: AGENTI POSITIVI AL TEST TBC

PORDENONE. EVADE MENTRE FA GIARDINAGGIO: RICERCATO

VERONA. "CARCERE CON CELLE APERTE GLI AGENTI A RISCHIO SICUREZZA"

MODENA, A CONTATTO CON DETENUTI MALATI: POLIZIOTTI CONTRAGGONO LA TUBERCOLOSI. "NON C'E' SALUBRITA'"

PORDENONE. SOLO TRE AGENTI DI TURNO: TUNISINO PERICOLOSO FUGGE DAL CARCERE

PORDENONE, PERICOLOSO DETENUTO FERISCE AGENTE DI SERVIZIO ED EVADE DAL CARCERE

RIORGANIZZAZIONE MINISTERO GIUSTIZIA, SOPPRESSIONE PROVVEDITORATI: IL NUOVO SCHEMA DI DECRETO INVIATO DAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ALLA FUNZIONE PUBBLICA

S.MARIA CAPUA VETERE. LA DENUNCIA DEL SAPPE: SOLO 400 AGENTI PER 1000 RECLUSI IL CARCERE RISCHIA DI "SCOPPIARE"

AGGRESSIONI AGLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA, IL SAPPE CHIEDE LO SPRAY URTICANTE

REGGIO EMILIA, DETENUTO TENTA DI SPACCARSI LA TESTA. LA DENUNCIA DEL SAPPE

CATANIA BICOCCA, IMPEDITA AL SAPPE LA VISITA IN ISTITUTO. PROTESTA AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

ELEVAZIONE CULTURALE, PREMI AI COLLEGHI CHE HANNO CONSEGUITO TITOLO DI STUDIO SUPERIORE

MODENA, SALUBRITÀ DEI LUOGHI DI LAVORO. CASI DI TBC E CARENZA MATERIALE IGIENICO-SANITARIO

REGGIO EMILIA, QUOTA FORFETTARIA E MODALITÀ D?USO DELLE CASERME AGENTI DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

RIFORMA MINISTERO: DAP E DGM, COSA CAMBIA. PRAP SOPPRESSI: AL LORO POSTO UFFICI TERRITORIALI DI SICUREZZA. QUESTO E ALTRO NEL NUOVO SAPPEINFORMA!

PERSISTENTE E INDECOROSO STATO DEI BAGNI DELLA CASERMA AGENTI DELLA C.C. DI PIACENZA

>>   Sappe Times: riorganizzazione Giustizia, Fesi, rimborsi ai detenuti...


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 27/2014








Pensione privilegiata di reversibilità


CHE COSA E'

Prestazione erogata ai superstiti del personale della Polizia Penitenziaria. deceduto in attività di servizio o in quiescenza per "causa mortis" riconosciuta dipendente da fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.


CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente, secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili, non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio, nei casi di morte del dipendente in attività di servizio per causa violenta, nell'adempimento degli obblighi di servizio, (art.184 del T. U 1092/73)

In tutti gli altri casi, su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti, (art. 191 del T.U. 1092/73)


DECORRENZA

Dalla data del decesso ovvero dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda, qualora quest'ultima, se necessaria, sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.


COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Al coniuge e agli orfani minori del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di esso è attribuito per la durata di un triennio dal decesso un trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria e successivamente la pensione privilegiata di riversibilità

Ai superstiti del dipendente deceduto in pensione, per infermità dipendente da fatti di servizio spetta la pensione privilegiata di riversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibiltà applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.


COMPETENZA

DAP, che dopo aver acquisito la documentazione sanitaria ed amministrativa, nonché il parere del Comitato per le Pensioni Privilegiate Ordinarie, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.