Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

CONDIZIONI DI SOVRAFFOLLAMENTO DEI DETENUTI MASCHI ED EVENTI CRITICI ALL'INTERNO DELL'ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI DI ROMA

SANREMO, CRITICITA E PROBLEMATICHE

ESITI COMMISSIONE RICOMPENSE - SEDUTA DI MARTEDÌ 12 DICEMBRE 2017

VERBALE IPOTESI PIANTE ORGANICHE DI SEDE DEL PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA DEL DIPARTIMENTO PER LA GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ. D.M. 02 OTTOBRE 2017

TERNI, NOTA UNITARIA: RIVOLTA NEL CARCERE, I DETENUTI NORD AFRICANI PROTAGONISTI

FROSINONE, CRITICITA E PROBLEMATICHE - PARTE SECONDA

SEDE D.G.F. DI ROMA - CASAL DEL MARMO (EX ISSP) GRAVI ANOMALIE

SASSARI, ESPOSIZIONE SERVIZIO PROGRAMMATO E FERIE NATALIZIE

AUGUSTA, CRITICITA. DOPO LE PROTESTE SINDACALI, IL PROVVEDITORE CONVOCA LE OO.SS

CASA CIRCONDARIALE GENOVA MARASSI, GESTIONE ISTITUTO

PROBLEMATICHE CASA RECLUSIONE FAVIGNANA - URGENTE INTERVENTO

SPEZIA: CHI E' DISTACCATO E DOVE?

PORDENONE, SORVEGLIANZA 'A VISTA' DEI DETENUTI

RISPETTO DELLA GERARCHIA DEL PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI TOLMEZZO

NOTIZIE DI REATO E OBBLIGO DELLA POLIZIA DI RIFERIRE AI SUPERIORI: AMMISSIBILE IL CONFLITTO TRA POTERI

INTERPELLO PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA DA IMPIEGARE PRESSO L'UFFICIO X DEL DAP IN OCCASIONE DI SERVIZI DI TRADUZIONI COLLETTIVE AEREE

IPM CATANZARO, CRITICITA. SOLLECITO DETERIMAZIONI

NUCLEI INVESTIGATIVI REGIONALI - GRAVI INCONGRUENZE E RICHIESTA DI URGENTI INTERVENTI

IPM CATANZARO, CRITICITA. SOLLECITO DETERMINAZIONI

SASSARI. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E SERVIZI

CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI, A COMPLESSIVI DODICI POSTI NEL GRUPPO SPORTIVO «FIAMME AZZURRE»

RAPPORTI INFORMATIVI DEL PERSONALE NON DIRETTIVO DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA ANNO 2017 (MOD. 6/7 D.A.P.)

SOLLECITO RISCONTRO NOTA PRAP LAZIO, ABRUZZO E MOLISE SU SERVIZIO DI FACCHINAGGIO PACCHI DETENUTI

CASA CIRCONDARIALE DI LARINO. FRUIZIONE ANOMALA DI STRAORDINARIO

CASA CIRCONDARIALE DI ISERNIA - PERICOLOSITA' DEL MURO DI CINTA

CASA CIRCONDARIALE DI ISERNIA - SERVIZIO PROGRAMMATO MESE DI DICEMBRE

CASA CIRCONDARIALE DI L'AQUILA - COMPORTAMENTO ANTISINDACALE

CERIMONIA DI GIURAMENTO 172° CORSO ALLIEVI AGENTI

CONTROLLI SANITARI EX D.LGS. N. 81\2008 PRESSO GLI ISTITUTI PENITENZIARI DELLA REGIONE SARDEGNA

CORPO POLIZIA PENITENZIARIA - ORGANICO REGIONE CALABRIA - DISTACCHI

>>   Visita alla C.R. “San Michele” del Segretario Nazionale S.a.p.pe. - Alessandria 13 ottobre 2017


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 25/2017








Pensione privilegiata di reversibilità


CHE COSA E'

Prestazione erogata ai superstiti del personale della Polizia Penitenziaria. deceduto in attività di servizio o in quiescenza per "causa mortis" riconosciuta dipendente da fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.


CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente, secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili, non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio, nei casi di morte del dipendente in attività di servizio per causa violenta, nell'adempimento degli obblighi di servizio, (art.184 del T. U 1092/73)

In tutti gli altri casi, su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti, (art. 191 del T.U. 1092/73)


DECORRENZA

Dalla data del decesso ovvero dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda, qualora quest'ultima, se necessaria, sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.


COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Al coniuge e agli orfani minori del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di esso è attribuito per la durata di un triennio dal decesso un trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria e successivamente la pensione privilegiata di riversibilità

Ai superstiti del dipendente deceduto in pensione, per infermità dipendente da fatti di servizio spetta la pensione privilegiata di riversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibiltà applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.


COMPETENZA

DAP, che dopo aver acquisito la documentazione sanitaria ed amministrativa, nonché il parere del Comitato per le Pensioni Privilegiate Ordinarie, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.