Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

CAMERINO, "TROPPI DETENUTI NEL CARCERE CAMERTE"

TOLMEZZO, POLIZIOTTO PENITENZIARIO AGGREDITO DA UN BOSS DEGLI SCHIAVONE

TRATTAMENTO PENSIONISTICO AL PERSONALE CESSATO DAL SERVIZIO DAL 2011 AL 2014, DURANTE IL PERIODO DI "BLOCCO" RETRIBUTIVO. INISIATIVA LEGISLATIVA.

REVISIONE DELL'ACCORDO QUADRO NAZIONALE

PDC 5 NOVEMBRE 2012, MOBILITA A DOMANDA E LEGGE 104/92

ENNA, NTP: DIFFORMITÀ GESTIONE RISPETTO ALTRI NUCLEI PROVINCIALI DELLA REGIONE SICILIA

PALERMO UCCIARDONE, COORDINATORE UFFICIO SALA AVVOCATI E MAGISTRATI

REGGIO CALABRIA, CUSTODIA E GESTIONE MONOPOLIO

ALBA, IL DESTINO DEL CARCERE ALBESE SARA' DISCUSSO SUI BANCHI DEL CONSIGLIO

NUOVO CARCERE IL SITO DI RIFERIMENTO E' IN VALLE BORMIDA

TRIESTE, CARNEVALE DEI BAMBINI

MARASSI, "LANCIO' DROGA IN CARCERE DALLA STRADA, CONDANNATELO A 8 ANNI"

CARCERI CHIUSE: IL SINDACO INCONTRERA' GLI AGENTI

FROSINONE, DISSERVIZI AREA SANITARIA ED AGGRAVIO LAVORO POLIZIA PENITENZIARIA

TERNI, ORGANIZZAZIONE UNITA OPERATIVE

CASSINO, RIVOLUZIONE IN CARCERE: PRESTO LABORATORI PER PRELEVARE IL DNA

REGGIO EMILIA, ALTA TENSIONE ALL'OPG, AGENTE FERITO

DONATO CAPECE: "CASSINO E' UN CARCERE SENZA UNA STRATEGIA PER LA SICUREZZA"

CREMONA, DETENUTO INCENDIA LA CELLA, INTOSSICATI DUE AGENTI

MANCATE ASSUNZIONI NEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA, LETTERA AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

BARI, TENTA DI DARE FUOCO AL LETTO DELLA CELLA

POLIZIOTTO SOSPESO DAL MINISTERO: "ERA MEDIOCRE" VINCE IL RICORSO AL TAR: "ORA TORNO E CHIEDO I DANNI"

SARDEGNA, STATO DI AGITAZIONE NELLE CARCERI

TRENTO, "MALATTIE INFETTIVE IN CARCERE, ORLANDO E ZENI INTERVENGANO"

EVACUATA PER FUMO UNA SEZIONE DEL CARCERE DI BARI, NESSUN FERITO

PIACENZA, DETENUTO IN OSPEDALE AGGREDISCE DUE AGENTI

PIACENZA, ALTRI DUE AGENTI AGGREDITI IN OSPEDALE

BARI, L'EPISODIO DENUNCIATO DAL SEGRETARIO DEL SAPPE. DETENUTO APPICCA IL FUOCO A UN MATERASSO

OPERA, AVVOCATO ARRESTATO PER FAVORI AL CLAN TENTA IL SUIDICIO NEL CARCERE

DETENUTO APPICCA FUOCO AL MATERASSO PAURA NEL CARCERE DI BARI

>>   Chiusura del carcere di Savona, il SAPPE protesta: Michele Lorenzo e Enzo Coletto


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 02/2016








Pensione privilegiata di reversibilità


CHE COSA E'

Prestazione erogata ai superstiti del personale della Polizia Penitenziaria. deceduto in attività di servizio o in quiescenza per "causa mortis" riconosciuta dipendente da fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.


CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente, secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili, non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio, nei casi di morte del dipendente in attività di servizio per causa violenta, nell'adempimento degli obblighi di servizio, (art.184 del T. U 1092/73)

In tutti gli altri casi, su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti, (art. 191 del T.U. 1092/73)


DECORRENZA

Dalla data del decesso ovvero dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda, qualora quest'ultima, se necessaria, sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.


COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Al coniuge e agli orfani minori del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di esso è attribuito per la durata di un triennio dal decesso un trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria e successivamente la pensione privilegiata di riversibilità

Ai superstiti del dipendente deceduto in pensione, per infermità dipendente da fatti di servizio spetta la pensione privilegiata di riversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibiltà applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.


COMPETENZA

DAP, che dopo aver acquisito la documentazione sanitaria ed amministrativa, nonché il parere del Comitato per le Pensioni Privilegiate Ordinarie, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.