Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

VERCELLI, CRITICITÀ

ISTITUTI MINORILI, ASSEGNI UNA TANTUM. ANNO 2013 E 2014

PROGETTO PIANO DI MOBILITÀ A DOMANDA DEL PERSONALE APPARTENENTE AL RUOLO MASCHILE E FEMMINILE DEGLI AGENTI - ASSISTENTI DEL CORPO DI P.P. COLLEGATO AL 169° CORSO

GRANDE SUCCESSO PER IL DOJO BUSHI AL 9° OPEN DI SICILIA: SI IMPONE LA FIGLIA DI UN COLLEGA DI LECCE

FAVIGNANA, APPROVVIGIONAMENTO ACQUA POTABILE

STATI GENERALE DELLE CARCERI, OGGI PRIMA RIUNIONE CON MINISTRODELLA GIUSTIZIA ORLANDO. SAPPE: ?CHI AL POSTO DI SOFRI?"

MODENA, "CARCERE SANT'ANNA, DUE AGENTI AGGREDITI DAI DETENUTI"

ALBA, POLIZIA PENITENZIARIA IN SCIOPERO-MENSA

UNA DETENUTA DA' FUOCO A UNA CELLA, QUATTRO AGENTI INTOSSICATI A BERGAMO

MODENA, RIVOLTE E AGGRESSIONI AL SANT'ANNA

CARCERI:SOLLICCIANO; SAPPE, AGENTE AGGREDITO,URGE ISPEZIONE

NAPOLI SECONDIGLIANO: CHI FA ATTIVITA' SINDACALE E CHI FA ATTIVITA' DENIGRATORIA

SOFRI "CONSULENTE" CARCERI E' POLEMICA

SCHEMA DI P.C.D. SUL NUCLEO INVESTIGATIVO CENTRALE: OSSERVAZIONI

S. CATALDO, RIGETTO ISTANZA CURE BALNEO-TERMALI

ISTITUTI PENITENZIARI LIGURI, CRITICITÀ

L'ALLARME DEI RADICALI: A SOLLICCIANO SI MUORE DI OVERDOSE

TERAMO, CRITICITA' NTP. DISAGI SCORTA CC CATANZARO E SOSTA AUTISTA PRESSO SCALO AEREO

169° CORSO DI FORMAZIONE PER NEO AGENTI- MOBILITÀ

RAGUSA, L'ISPETTORE COMANDA IL REPARTO ED IL COMMISSARIO COORDINA IL NUCLEO T.P.... MA IL PRAP SICILIA NON CAPISCE...

SCHEMA DI P.C.D. SUL GRUPPO OPERATIVO MOBILE: OSSERVAZIONI

BARCELLONA POZZO DI GOTTO, RISCONTRO NOTIZIE A NOTA SAPPE

ESITI VISITA LUOGHI DI LAVORO C.C. TORINO: RISCONTRO PRAP A NOTA SAPPE

CREMONA, DETENUTO SI SCAGLIA CONTRO LE GUARDIE QUATTRO AGENTI NEL MIRINO: E' PROTESTA

SICILIA, BUONI PASTO AL PERSONALE. CHIARIMENTI

OSSERVAZIONI SUL DECRETO DI ISTITUZIONE DELL'UFFICIO PER LE ATTIVITÀ DEL LABORATORIO CENTRALE DNA

OSSERVAZIONI SUL DECRETO DI REGOLAMENTAZIONE ATTIVITA' USPEV

TORINO, PARCHEGGI AUTO. CONSIDERAZIONI SULLA CHIUSURA NOTTURNA CANCELLO CARRAIO TERZA CASERMA.

DA' FUOCO ALLA SUA CELLA, SALVO PER UN PELO UN QUARANTENNE A GENOVA MARASSI

ARTICOLO SU SOFRI: "UNICO MANDANTE D'OMICIDIO AL MONDO CHE, DOPO UN BREVE GIRO IN CARCERE, NE ESCE MA CON L'ARIA DI ESSERE LUI LA VITTIMA DELL'OMICIDIO, NON IL MORTO"

>>   Intervista a Giovanni Battista DURANTE (Sappe) sulla situazione delle carceri e della Polizia Penitenziaria.


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 09/2015








Pensione privilegiata di reversibilità


CHE COSA E'

Prestazione erogata ai superstiti del personale della Polizia Penitenziaria. deceduto in attività di servizio o in quiescenza per "causa mortis" riconosciuta dipendente da fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.


CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente, secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili, non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio, nei casi di morte del dipendente in attività di servizio per causa violenta, nell'adempimento degli obblighi di servizio, (art.184 del T. U 1092/73)

In tutti gli altri casi, su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti, (art. 191 del T.U. 1092/73)


DECORRENZA

Dalla data del decesso ovvero dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda, qualora quest'ultima, se necessaria, sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.


COME SI CALCOLA LA PRESTAZIONE

Al coniuge e agli orfani minori del dipendente deceduto in attività di servizio e per causa di esso è attribuito per la durata di un triennio dal decesso un trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria e successivamente la pensione privilegiata di riversibilità

Ai superstiti del dipendente deceduto in pensione, per infermità dipendente da fatti di servizio spetta la pensione privilegiata di riversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibiltà applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.


COMPETENZA

DAP, che dopo aver acquisito la documentazione sanitaria ed amministrativa, nonché il parere del Comitato per le Pensioni Privilegiate Ordinarie, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.