Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

ORVIETO, VIOLENTA LITE IN CELLA FRA TRE DETENUTI AGENTE TENTA DI SEDARE LA RISSA: FERITO

BOZZA RIORDINO DELLE CARRIERE: OSSERVAZIONI LIMITATAMENTE AI RUOLOI ISPETTORI/FUNZIONARI

RIALLINEAMENTO RUOLI DIRETTIVI E RIORDINO DELLE CARRIERE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA

ORGANICO DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA - CONVOCAZIONE 13.12.2016 ORE 9.30

CASSINO, CARCERE: CROLLA IL PAVIMENTO DELLA SALA REGIA NESSUN FERITO. SOPRALLUOGO ESEGUITO E BONIFICA

MANTOVA, TELEFONINO IN CELLA; DETENUTO DENUNCIATO

MANTOVA, TELEFONO IN CELLA NELLA BOMBOLA DEL GAS

ORVIETO, AGENTE AGGREDITO IN CARCERE

POTENZA, IMPIEGO DELLE RISORSE UMANE IN COMPITI AMMINISTRATIVO-CONTABILI

MELFI, VIOLAZIONE ACCORDI SINDACALI

PADOVA "140 AGENTI IN MENO, SIAMO DEGLI ALIENATI"

LA DENUNCIA DEL SAPPE AGENTI BISTRATTATI AL CARCERE DI CROTONE

MELFI UN CELLULARE DIETRO IL WC IN CELLA

UMBRIA, FIRMATO L'ACCORDO SUL FESI REGIONALE 2017

P.R.A.P. DELLA PUGLIA E BASILICATA, DISTACCAMENTO DI POTENZA: COORDINAMENTO OPERATIVO DELL?U.S.T.

MELFI AVEVA UN TELEFONINO IN CELLA BLITZ NELL'ISTITUTO PENITENZIARIO

MELFI, TROVATO IN UNA CELLA UN TELEFONO CELLULARE PERFETTAMENTE FUNZIONANTE

TERNI, L'AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA MUORE STRONCATO DA INFARTO. NOVE MESI FA LA STESSA SORTE PER IL FRATELLO

LAVORO STRAORDINARIO PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA ESERCIZIO FINANZIARIO 2017

NTERPELLO PER L'ACCESSO AL N.I.C. PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA

RIUNIONE DAP 23 NOV: ORGANICI DEL CORPO E CRITERI RIDUZIONE CONTINGENTI EXTRA MOENIA

LAVORI DELLA COMMISSIONE PER LE RICOMPENSE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA. ARRETRATO E PROSSIMA INDISPONIBILITÀ DEL PRESIDENTE

IMPERIA, CARCERE SAPPE, SCIOPERO CONTRO IL SOVRAFFOLLAMENTO

SALERNO, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

FUORNI, STATO DI AGITAZIONE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

CIVITAVECCHIA, "CI OPPORREMO ALL'ALTA SICUREZZA"

CALABRIA, LA DENUNCIA DEL SAPPE. "SUBITO GLI ISPETTORI NELLE CARCERI"

CIVITAVECCHIA, "NOI CALPESTATI: CI SERVE PIU' PERSONALE"

IMPERIA, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE

IL SAPPE AL MINISTRO: "ISPETTORI AD ARGHILLA'"

>>   Rebibbia NC “Raffaele Cinotti”: la situazione raccontata dal Sappe (Giovanni Patrizi)


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.