Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

PESARO, DETENUTI APPICCANO LE FIAMME

FROSINONE, DETENUTO TENTA IL SUICIDI, SALVATO

SAVONA, MALATO DI TUMORE: FA LA CHEMIO SCORTATO DAGLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA

CHIUDONO GLI OPG, INTERNATI IN GALERA: ROBA DA MANICOMIO

VENEZIA, ALTA TENSIONE A S.MARIA MAGGIORE. DETENUTO AGGREDISCE AGENTI

CAMPOBASSO, MORTE DETENUTO PER INFARTO. "LA PENITENZIARIA E' PRONTAMENTE INTERVENUTA"

CREMONA, ALTA TENSIONE A CA' DEL FERRO. SAPPE: "VIA DIRETTORE E COMANDANTE!"

ESITI COMMISSIONE RICOMPENSE, SEDUTA DEL 24.03.2015 - AREA RISERVATA -

OPG: "SARA' UN PROBLEMA GESTIRE LA SICUREZZA"

CAMPOBASSO, DETENUTO MUORE PER INFARTO. NULLA HA POTUTO FARE LA POLIZIA PENITENZIARIA

LUCCA, DETENUTO DA' FUOCO ALLA CELLA E TENTA DI AGGREDIRE AGENTI

PAPA A POGGIOREALE, SAPPE: UN FARO SUI DRAMMI DEL CARCERE

DETENUTI DISTRUGGONO LE CELLE OSPEDALIERE IN PUGLIA

LUCCA, DETENUTO AGGREDISCE GLI AGENTI E CERCA DI DAR FUOCO ALLA CELLA

PRAP POTENZA, SERVIZI ESTERNI CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA

I NUOVI REQUISITI DI ACCESSO AI TRATTAMENTI PENSIONISTICI ADEGUATI AGLI INCREMENTI ALLA SPERANZA DI VITA: LA LETTERA CIRCOLARE DELL'INPS!

MONTELUPO, INGOIA PILE E DA' FUOCO ALLA CELLA UN'ALTRA NOTTE DI FOLLIA ALL'OPG

PUGLIA: TROPPE AGGRESSIONI IN CARCERE, SERVONO LE BOMBOLETTE SPRAY

PENZOLAVANO CON IL CAPPIO AL COLLO: SALVI PER MIRACOLO. IL DRAMMA DEI TENTATI SUICIDI IN CARCERE

INGOIA LE PILE E DA' FUOCO ALLA CELLA, ALTRO DRAMMA ALL'OPG (IN CHIUSURA) DI MONTELUPO

BUSTO ARSIZIO, DOPO I CARABINIERI ANCORA AGGRESSIONI L'UOMO DEGLI SPARI PICCHIA GLI AGENTI IN CARCERE

IPM TORINO, COSTANTI VIOLAZIONI. NOTA UNITARIA

CUNEO, ERA AL 41 BIS: SI IMPICCA IN CELLA RAS DEL CLAN CHIERCHIA

IMPERIA, VISITA AL CARCERE. LE ACCUSE DEL SAPPE E LA REPLICA DEL DIRETTORE

OSPEDALE MILITARE, PRESTO SI SBLOCCANO LE PRATICHE,CHIUDE SAPPETIMES,VERRANNO AGGIORNATE LE PENSIONI PER CHI E' ANDATO IN PENSIONE PRIMA DELLO SBLOCCO

DESTINAZIONE NUOVI LOCALI NTP DI PARMA

PADOVA, IL SAPPE SULLA VICENDA DEI FALSI CERTIFICATI MEDICI AGLI AGENTI

IMPERIA: "CI HANNO VIETATO LA VISITA IN CARCERE CON MARCO SCAJOLA"

MENO DETENUTI MA CELLE ANCORA STRAPIENE: PRESENTATO IL RAPPORTO ANTIGONE. SAPPE. CONTESTAZIONE SAPPE

CARCERI, SAPPE: "RAPPORTO ANTIGONE INTERESSANTE MA OMETTE CONDIZIONI LAVORATIVE POLIZIOTTI PENITENZIARI"

>>   Sappe Times: sospensioni Facebook, interpelli, pensioni, Eternit


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 05/2015








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.