Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

RICHIESTA NOTIZIE REALIZZAZIONE VOLUME SUI CADUTI DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA

ECCESSO DI ARRETRATO DELLE PRATICHE DA SOTTOPORRE ALLA VALUTAZIONE DELLA COMMISSIONE RICOMPENSE

VOGHERA, CRITICITA' E PROBLEMATICHE: NOTA UNITARIA

SUICIDEN NTP MODENA

CONTRIBUTO UNIFICATO, ESENZIONE E\O RIDUZIONE: RAPPORTI DI PUBBLICO IMPIEG

INDENNITÀ SUPPLEMENTARE DI VIAGGIO, ANCORA UNA VITTORIA (LA N. 20) PER I RICORSI PROMOSSI DAL SAPPE DI PARMA!

VICENZA, IL CARCERE ATTENDE L'AMPLIAMENTO. LAVORI PARALIZZATI

ORVIETO, IL CARCERE CERCA LA SALVEZZA. LE PAROLE DEL SEGRETARIO REGIONALE UMBRO DEL SAPPE BONINO

ECCO IL PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO SULLA RIORGANIZZAZIONE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA!

AGENTI IN MALATTIA GIOCAVANO A CALCIO DUE PALAZZI, DODICI INDAGATI PER TRUFFA

MARASSI, AGENTE SOSPESO, DUE POLIZIOTTI AGGREDITI

VICENZA, DETENUTI SUL TETTO DEL CARCERE UNA PROTESTA LUNGA 24 ORE

SCORRIMENTO GRADUATORIE, REATO DI TORTURA, ASSEGNO DI FUNZIONE: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE. QUESTO E ALTRO NEL NUOVO SAPPEINFORMA

SAVONA, "DETENUTO CON SOSPETTA TUBERCOLOSI IN CARCERE"

MONZA, RISSA IN CARCERE, UN AGENTE FERITO

ASSEGNO DI FUNZIONE, MANCATA RETRIBUZIONE. PROTESTA

CONCORSI AGENTE POLIZIA PENITENZIARIA, SCORRIMENTO DELLE GRADUATORIE 2011 2012 E 2013

PERSONALE DEL CORPO DI P.P. IN POSSESSO DEL CERTIFICATO DI ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

SPOLETO. "CARCERE, AGENTI BRAVI E CAPACI"

ELARGIZIONE PREMI AL PERSONALE CHE HA CONSEGUITO NEL 2014 UN TITOLO DI STUDIO SUPERIORE.

CONVENZIONE TELEFONIA MOBILE SAPPE - TRE

ROGHI E PROTESTE NEL CARCERE DI PONTEDECIMO

NOTA AL VICE MINISTRO DELLA GIUSTIZIA: ESITI MONITORAGGIO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI ALLA POLIZIA PENITENZIARIA. CONSIDERAZIONI

DETENUTO DÀ FUOCO ALLA SUA CELLA A SPOLETO

VICENZA, AGGREDISCE AGENTE ED ALLAGA LA CELLA. INFLITTI 10 MESI

TORINO, AGENTE PENITENZIARIO SFREGIATO DA UN DETENUTO

S.MARIA CV: DIFFIDA E PREANNUNCIO RICORSO ARTICOLO 28

SANTA MARIA C.V., SI UCCIDE IN CARCERE, IERI I FUNERALI DEL 35ENNE MARTINO

PROMOZIONE ALLA QUALIFICA DI ISPETTORE CAPO, PERSONALE MASCHILE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA

ENNA, ASSOLTO SINDACALISTA SAPPE

>>   Focus su una nuova esecuzione penale:
Il punto di vista del Sappe partendo dall'esperienza della Casa Reclusione di Orvieto


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 06/2015








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.