Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

FERRARA, POLIZIA PENITENZIARIA, TRASFERITO IL COMANDANTE

FERRARA, CAMBIO AL VERTICE DEL CARCERE DOPO LA PROTESTA DEI SINDACATI

SARDEGNA, CAMERE DI SICUREZZA OSPEDALI

AVELLINO, ROMENI CONTRO NAPOLETANI: DUE FERITI

A TUTTI I COLLEGHI DELLA REGIONE PUGLIA: NOTA DELLA SEGRETERIA REGIONALE SAPPE

ROMA, REGINA COELI: PARLA IL VICE SEGRETARIO REGIONALE SAPPE. "VI RACCONTO LA GALERA DI PASSAGGIO CON TANTI, TROPPI, CLIENTI ABITUALI"

"DROGA E ARMI IN CELLA ARRIVANO CON IL DRONE". LA DENUNCIA DEL SAPPE

IMPERIA, IN CARCERE CON 7 ETTI DI COCAINA

IMPERIA, DETENUTO APPICCA IL FUOCO ALLA SUA CELLA ALA DEL CARCERE EVACUATA, 4 AGENTI INTOSSICATI

MONZA, DETENUTO AGGREDISCE COMANDANTE E AGENTI

LANUSEI, MARIJUANA PER IL FRATELLO DETENUTO: DENUNCIATO

PRAP BARI , RICHIESTA URGENTE ALLE DIREZIONI DI NOTIZIE SU FUMO PASSIVO SEZIONI DETENTIVE

NAPOLI POGGIOREALE, RICHIESTA CONVOCAZIONE URGENTE ? DEFINIZIONE P.I.L. ? MOBILITÀ INTERNA

DISSERVIZI E CRITICITÀ RELATIVE AGLI ALLOGGI DEMANIALI SITI IN TORINO VIA ORVIETO N. 1

NAPOLI POGGIOREALE PROTESTA ED ASTENSIONE MENSA

NTP TORINO, TENSIONE LAVORATIVA E DISORGANIZZAZIONE: SOLLECITO DETERMINAZIONI ED ESITI INCHIESTA

CARCERI, DOPO TRENT'ANNI SARA' L'ORA DELL'AMORE?

VIBO, IL SAPPE DENUNCIA CARENZE D'ORGANICO

46 TRASFERIMENTI DI ISPETTORI E SOVRINTENDENTI, IL RESOCONTO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SAPPE, LA FESTA DEL CORPO: QUESTO E ALTRO NEL NUOVO SAPPEINFORMA!

VIBO VALENTIA, CONFERENZA STAMPA DEL SAPPE SUI PROBLEMI DEL CARCERE

VIBO, ISTITUTO PENITENZIARIO MANCA IL PERSONALE

AVELLINO, AGENTE PENITENZIARIO AGGREDITO DA DETENUTO

CARCERE DI TARANTO, DAL 1 GIUGNO SCIOPERO DELLA FAME DEI POLIZIOTTI

CREMONA, FERITE CON LA LAMETTA SALVATO UN DETENUTO

AVELLINO, NON GLI CAMBIANO CELLA E AGGREDISCE AGENTE PENITENZIARIO, DENUNCIA DEL SAPPE

RIETI, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO IN BAGNO, SALVATO

TERNI, ALTA TENSIONE DIETRO LE SBARRE DETENUTO MINACCIA DI MORTE UN AGENTE DELLA PENITENZIARIA

CARCERE DI BELLIZZI IRPINO, DETENUTO AGGREDISCE AGENTE DELLA PENITENZIARIA

DOMANI A ROMA LA PROTESTA DEGLI AGENTI DELLA PENITENZIARIA

TERNI, "SITUAZIONE ESPLOSIVA AL CARCERE DI SABBIONE"

>>   Storia della Penitenziaria: dalle Famiglie di Giustizia alla Nascita del SAPPE


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.