Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

SFAP PARMA, PASSAGGIO CONSEGNE ? ARTT. 26 E 28 CO. 3 DEL REGOLAMENTO DI SERVIZIO. SOLLECITO

ROMA, CASAL DEL MARMO. CELLE DEVASTATE SCOPPIA LA PROTESTA TRA I BABY DETENUTI

MONZA, PERQUISIZIONE IN CARCERE: TROVATA DROGA NELLE CELLE

L'AQUILA, UN DETENUTO PIANTONATO IN OSPEDALE DA DIECI AGENTI

TERRORISMO ISLAMICO, ALLERTA NELLE CARCERI

CRITERI DI MASSIMA PER PROMOZIONE A COMMISSARIO COORDINATORE (TRIENNIO 2015/2017) E A COMMISSARIO (TRIENNIO 2014/2016)

"SANT'ANNA, SITUAZIONE CRITICA I PARLAMENTARI SONO CON NOI"

ALLE ISCRITTE ED AGLI ISCRITTI SAPPE, A TUTTE LE POLIZIOTTE E A TUTTI I POLIZIOTTI PENITENZIARI... BUON FERRAGOSTO!

SALUZZO, "SPUTI, CALCI E SPINTONI A UN AGENTE IN CARCERE"

SANREMO, DETENUTO CON PUNGIBALL PICCHIA DUE AGENTI

MONZA, BLITZ ANTIDROGA IN CARCERE TROVATA COCAINA SOTTO IL LETTO DI DUE DETENUTI

AGENTE SUICIDA A MASSA, IL DAP NEGA LA TRASFERTA AI COLLEGHI PER LE ESEQUIE...

LOMBARDIA, CARCERI SOVRAFFOLLATE: STRANIERI LA META' DEI DETENUTI. GLI AGENTI: NESSUNO CI HA ADDESTRATO CONTRO IL TERRORE

AVELLINO, DROGA NELL'ANO DESTINATA AL CARCERE

CASSINO, AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO

VIGEVANO, IN CELLA COL TELEFONO, IL SAPPE VUOLE STRUMENTI PER I CONTROLLI

IL WELFARE DEI CLAN NON E' MAI IN CRISI

SUICIDA AGENTE DI POGGIOREALE, STRAGE SILENZIOSA NELLE CARCERI

CASSINO, AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO

CASSINO, TRE AGENTI PENITENZIARI AGGREDITI DA UN DETENUTO

CASSINO, AGGREDISCE AGENTI DELLA PENITENZIARIA NEL TRASFERIMENTO A ROMA E LI FERISCE

MASSA, AGENTE PENITENZIARIO MUORE IN SERVIZIO

AGENTE PENITENZIARIO SI IMPICCA NELLA SUA ABITAZIONE

CARCERI, DUE AGENTI SUICIDI IN DUE GIORNI, A MASSA E NAPOLI: LA STRAGE SILENZIOSA...

PUGLIA, CHE FINE HANNO FATTO I RICORSI DI "ROBIN"?

TRE FESTE NELLE CELLE DOPO LE STRAGI TRASFERITI I DETENUTI RADICALIZZATI

PROCEDURA DI INTERPELLO DI SELEZIONE DEL PERSONALE PER L'UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELLE PERSONE DETENUTE

RIORGANIZZAZIONE MINISTERO GIUSTIZIA, CONVOCAZIONE GIORNO 18.8.2016 ORE 14.00

FESI ANNO 2017 - TABELLA D.G.M.C.

PIEMONTE, PERICOLO DENTRO LE CARCERI: "ORA SI DEVE AGIRE"

>>   Proselitismo jihadista nelle carceri: Andrea Orlando a Unomattina - 20 luglio 2016


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.