Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA, ADEGUAMENTO BUONI PASTO

LIGURIA, RICOVERI OSPEDALIERI

MODENA - NUCLEO PROVINCIALE TRADUZIONI E PIANTONAMENTI

INDENNITÀ DI PRESENZA PER I SERVIZI ESTERNI, SOLLECITO COSTITUZIONE TAVOLO TECNICO

TRIVENETO, NUOVA TUTA DI SERVIZIO. PROBLEMATICHE

FORLI, NOTA UNITARIA DI SAPPE E ALTRE OOSS SU CRITICITÀ ISTITUTO

PENSIONI, COSA PREVEDE LA NUOVA NORMATIVA

PADOVA, RESTA LA TENSIONE IN CARCERE. PARLANO GLI AGENTI: "SOLI E CON UN CANCELLO BLOCCATO"

VIGEVANO, DETENUTO DA' IN ESCANDESCENZE E ROMPE LA MANO DI UN AGENTE

FROSINONE. POLIZIOTTI AGGREDITI IN CARCERE, LA PROTESTA DEL SINDACATO SAPPE

PADOVA, RIVOLTA CHOC IN CARCERE "SI INNEGGIAVA ALL'ISIS"

SANREMO, DOPO IL SUICIDIO DI UN DETENUTO SOTTO ACCUSA L'ORGANIZZAZIONE INTERNA DEL CARCERE

SANREMO, MUORE SUICIDA IN CARCERE DETENUTO SERIAL KILLER

PROMOZIONE ALLA QUALIFICA DI AGENTE SCELTO, ASSISTENTE ED ASSISTENTE CAPO. NOTA DAP

LAVORO NEL GIORNO DI RIPOSO SETTIMANALE: ALTRO CHE STRAORDINARIO! IL DAP DISPONE IL RECUPERO SOMME GIÀ PAGATE!

SAPPE CAMPANIA: CONTESTAZIONE ORDINE SERVIZIO DIREZIONE CC POZZUOLI

PERPLESSITÀ SU CRITERI CONFERIMENTO COMANDO REPARTO VIGILANZA E SCORTE VIA ARENULA

NEO VICE ISPETTORI ULTIMO CORSO: DIRITTO ALLE FERIE

COORDINATORI NUCLEI NN.TT.PP.; CORSI DI AGGIORNAMENTO. SI RIUNISCE LA COMMISSIONE FORMAZIONE

DISAGI SCORTA NTP TERNI IN MISSIONE A CC CATANZARO

REGGIO EMILIA, DENTRO UNA CELLA UN ALTRO SUICIDIO

PROMOZIONE ALLA QUALIFICA DI SOVRINTENDENTE CON DECORRENZA 1° GENNAIO 2008

VIGILANZA DINAMICA, NOTA DEL SAPPE AL CAPO DEL DAP

SALUZZO, "HA DEVASTATO LA CELLA E PICCHIATO GLI AGENTI"

PADOVA, AGENTE AGGREDITO DA UN DETENUTO "VOGLIAMOLO SPRAY URTICANTE"

ASTI, NON VA LA TV. PRENDE A CALCI L'AGENTE

SICILIA, "RISCHIO TERRORISMO NELLE CARCERI"

PARMA, INSALUBRITA' POSTI DI SERVIZIO VARI

SANREMO, LO MORDE E STACCA IL DITO AL RIVALE

TORINO, LA DROGA PER IL NIPOTE NEL REGGISENO DELLA NONNA

>>   Decine di detenuti di fede islamica in rivolta al grido di "Allah" e "Isis" nel carcere di Padova


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 1/2015








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.