Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

SISTEMA RELAZIONI SINDACALI - REGIONE EMILIA ROMAGNA

CAGLIATI, TENTA DI IMPICCARSI IN CARCERE DETENUTA SALVATA DAGLI AGENTI A UTA

VELLETRI, CARCERE, GLI AGENTI: "SIAMO POCHI, SICUREZZA A RISCHIO"

PIEMONTE, LIQUIDAZIONI INDENNITA' MISSIONI E GESTIONE ORGANIZZATIVA

VASTO, DOPO LA PROTESTA DEL SAPPE PER LE CONDIZIONI DELLA MENSA, ANCHE IL SINDACO VISITERA' IL CARCERE

TERNI, LA MENSA DELLA CASA CIRCONDARIALE FINISCE SOTTO ACCUSA PER IL SAPPE "NON C'E' ABBASTANZA CIBO

LUCERA, PROTESTA LA POLIZIA PENITENZIARIA

LAZIO, FIRMATO L'ACCORDO FESI 2015

L'OMBRA DI GOMORRA SUI CONCORSI DI POLIZIA PENITENZIARIA E PS

CRIMINALI, ATTENTI ALLA BANCA DATI DEL DNA (IL SAPPE SUL SETTIMANALE PANORAMA)

VASTO, CHIUSA LA MENSA DELLA POLIZIA DOPO LE PROTESTE DEL SAPPE

BARCELLONA P.G., IL SAPPE: DETENUTO TROVATO SENZA VITA IN CELLA

FROSINONE E VELLETRI, CARCERI, E STATO DI AGITAZIONE

FROSINONE E VELLETRI, ORGANICI INSUFFICIENTI POLIZIA PENITENZIARIA SUL PIEDE DI GUERRA

ESITI COMMISSIONE RICOMPENSE, SEDUTA DEL 21.06.2016 (AREA RISERVATA)

FROSINONE E VELLETRI, STATO DI AGITAZIONE

TOSCANA/UMBIA, FESI 2015

CARINOLA, LE CONFUSIONI DELLA DIREZIONE ALLA FESTA LOCALE...

SALUZZO, "DUE AGENTI DELLA PENITENZIARIA AGGREDITI E FERITI DA UN RECLUSO"

RISSA AL CARCERE DI NISIDA SCATENATA DA TRE FAZIONI

MATERA, DETENUTI APPICCANO UN INCENDIO NELLA CELLA, SALVATI DALL'INTERVENTO DEI BASCHI AZZURRI

CAMPANIA, LE CRITICITA' DENUNCIATE DAL SAPPE

DISTACCAMENTO CINOFILO DI AVELLINO, ASSEGNAZIONE PROVVISORIE

TRIESTE, SUICIDA AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA DI 32 ANNI, ORIGINARIO DI PESCARA. STAVA PER INIZIARE IL SERVIZIO IN CARCERE

CHIAVARI, ASSENZA DI RELAZIONI SINDACALI

SCATTA LO STATO D'AGITAZIONE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA A REGGIO EMILIA

QUARTUCCIU, CRITICITA' E PROBLEMATICHE

PROMOZIONE ALLA QUALIFICA DI SOVRINTENDENTE CAPO DEL PERSONALE MASCHILE E FEMMINILE DEL CORPO NOMINATO VICE SOVR. CON DECORRENZA 9.7.2009

BARI, COMPORTAMENO ANTI-SINDACALE

DETENUTO APPICCA IL FUOCO IN CELLA A MATERA

>>   Più di 8 mila detenuti in eccesso nelle carceri italiane rispetto ai 4 mila pubblicizzati dal DAP


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.