Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

TORINO, MARITO DETENUTO GLI PORTA LA DROGA

INTITOLAZIONE DELL'ICAM PRESSO LA CC.TORINO IN MEMORIA DELLA VIGILATRICE PENITENZIARIA MARIA GRAZIA CASAZZA

NAPOLI, DECEDUTO IN CARCERE, ATTESA PER L'AUTOPSIA

INFORMATIVA SOGGIORNI ESTIVI INPS

PERSONALE DEL CORPO P.P. - F.E.S.I. ANNO 2017 - RINVIO RIUNIONE AL 3.3.2017 ORE 10.00

TORINO, TENTA LA FUGA RUBANDO SOLDI ALL'AGENTE DEL CARCERE MINORILE

SOLLICCIANO, MURI INAGIBILI E PARETI DI SABBIA IL GIGLIO E' DIVENTATO UNA GROVIERA

CHIUDERE IL CARCERE DI ISERNIA? UN ASSURDO

NAPOLI, ASPETTA IL PASSEGGIO DEI COMPAGNI DI CELLA E SI IMPICCA COI LACCI A POGGIOREALE

MASSA, ASPETTA IL PASSEGGIO DEI COMPAGNI DI CELLA E SI IMPICCA COI LACCI

SOLLICCIANO, ALLARMI FUORI USO LA FUGA E' UN GIOCO

POGGIOREALE, TROVATO MORTO IN CELLA I SINDACATI: ORA BASTA SI RISCHIA L'ESCALATION

RIORDINO DELLE CARRIERE: STRETTA FINALE. ESITI INCONTRO CON IL MINISTRO

2017: E C'È ANCORA QUALCHE GIORNALISTA CHE PARLA DI "GUARDIE CARCERARIE"...

VERBALE DEL 13 FEBBRAIO 2017: FORZE DI POLIZIA REVISIONE DEGLI ORDINAMENTI E DEI RUOLI. QUEL CHE DAVVERO HA DETTO IL SAPPE AL DI LÀ DELLE CHIACCHIERE DI QUALCUNO...

MASSA, DETENUTO SEMINA IL CAOS IN CARCERE

I SINDACI VALBORMIDESI INSORGONO PER L'INERZIA DEL GOVERNO SUL CARCERE

PROCEDURE DI MOBILITÀ A DOMANDA RUOLI DIRETTIVI POLIZIA PENITENZIARIA 2017

BUSTO ARSIZIO, DETENUTO SCATENATO IN CARCERE AGENTI ASSALITI A PUGNI E MORSI

IDEA CARCERE IN VALBORMIDA SAPPE: "UNA PRESA IN GIRO"

CASA CIRCONDARIALE DI FIRENZE SOLLICCIANO - EVASIONE DEL 20.02.2017

ON LINE IL NUOVO SAPPEINFORMA: RIORDINO, FESI 2017, MOBILITA DEI FUNZIONARI...

FIRENZE, CLAMOROSA FUGA DAL CARCERE DI SOLLICCIANO: EVADONO IN 3. SAPPE: ?EVASIONE ANNUNCIATA?.

F.E.S.I. ANNO 2017 - RINVIO RIUNIONE AL 24.2.2017 ORE 9.00

AIROLA, AVEVA LA DROGA NELLE PARTI INTIME, DETENUTO SCOPERTO DA UN POLIZIOTTO

ALLOGGI DI SERVIZIO, IL DAP RISCONTRA LA NOTA SAPPE

BOLOGNA, TENTA DI UCCIDERSI IN CELLA E' SALVO GRAZIE AGLI AGENTI

TRENTO CARCERE, ENNESIMA PROTESTA DEGLI AGENTI. LE PROVOCAZIONI DEGLI ANARCHICI

SALUZZO, CARCERE, SERVONO PIU' AGENTI

RIORDINO DELLE CARRIERE: SCHEDA SINTETICA DELLA BOZZA

>>   Rebibbia NC “Raffaele Cinotti”: la situazione raccontata dal Sappe (Giovanni Patrizi)


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.