Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

CPA SECONDIGLIANO, CONFRONTO DIREZIONE-SAPPE

CARCERE DI CASTROGNO AL FREDDO E AL GELO EVACUATI 120 DETENUTI

ORVIETO, IL SAPPE IN AGITAZIONE CONTRO IL DIRETTORE: "SALVIAMO IL CARCERE MODELLO DI VIA ROMA

SPINI, AGENTI IN STATO DI AGITAZIONE

NAPOLI, AGENTE AGGREDITO IL SINDACATO: TROPPE VIOLENZE NELLE CARCERI

CGM TORINO, RICHIESTA INCONTRO URGENTE E CONTESTUALE SOSPENSIONE INTERPELLO

NAPOLI, AGENTE PICCHIATO E PRESO A TESTATE DA UN DETENUTO A POGGIOREALE

MILANO BECCARIA, "ADOLESCENTI EMARGINATI E POVERI LA RABBIA LA METTIAMO IN CONTO"

ALESSANDRIA, AL SAN MICHELE PROMESSI RINFORZI DOPO LA PROTESTA

E IL MINISTRO VUOLE TOGLIERE IL REATO DI CLANDESTINITA'

TRENTO, ANCORA NUOVI DETENUTI A SPINI

«FORZE DELL'ORDINE, CI SONO LE RISORSE PER GLI 80 EURO»: CONFERMATO QUEL CHE È SCRITTO SUL SAPPEINFORMA N. 2/2017

ORVIETO, "RICONVERTIRE IL CARCERE" E IL SAPPE SI SCATENA

PENITENZIARIA A RISCHIO, ANCORA UN'AGGRESSIONE A POGGIOREALE

TERAMO, IN CARCERE E' RISCHIO DISORDINI

RECUPERO SOMME LAVORO STRAORDINARIO ECCEDENTE 36 ORE- NON PAGATE: NEWS DALLA PUGLIA

SIRACUSA, "POCHI POLIZIOTTI, TROPPI DETENUTI"

FERRARA, "IL RISCHIO PROSELITISMO E' CONCRETO SERVONO AGENTI CHE PARLINO ARABO"

VICENZA, SI UCCIDE IN CELLA L'OMICIDA NEL CAMPO A ZANE'

ORVIETO, CARCERE, PERSONALE IN AGITAZIONE

MILANO, LE BOTTE DEL BRANCO E LA RIVOLTA AL BECCARIA

PERSONALE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA FESI ANNO 2017: CONVOCAZIONE PER IL GIORNO 31 GENNAIO

TRENTO, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE UNITARIO

MANTOVA, DETENUTO FINISCE IN OSPEDALE

BRESCIA, "SI' AL NUOVO CARCERE MA SERVONO PIU' AGENTI"

MODENA, RADICALIZZAZIONE AL SANT'ANNA: MONITORATA UNA DECINA DI DETENUTI

MESSINA, PERRONE, NUOVO ALLARME: AGENTI AGGREDITI IN CARCERE

BONUS 80 EURO: SARANNO PAGATI? COME E QUANDO LO SPIEGHIAMO NEL NUOVO SAPPEINFORMA! E ANCHE SU RIALLINEAMENTO E RIORDINO...

INACCETTABILE SOSPENSIONE DELL'ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELEL INFRAZIONI AL CODICE DELLA STRADA DA PARTE DEL PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA

PADOVA, TROVATI 3 CELLULARI DENTRO I SECCHI DELLA BIANCHERIA

>>   Rebibbia NC “Raffaele Cinotti”: la situazione raccontata dal Sappe (Giovanni Patrizi)


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.