Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

TORINO, MARITO DETENUTO GLI PORTA LA DROGA

INTITOLAZIONE DELL'ICAM PRESSO LA CC.TORINO IN MEMORIA DELLA VIGILATRICE PENITENZIARIA MARIA GRAZIA CASAZZA

NAPOLI, DECEDUTO IN CARCERE, ATTESA PER L'AUTOPSIA

INFORMATIVA SOGGIORNI ESTIVI INPS

PERSONALE DEL CORPO P.P. - F.E.S.I. ANNO 2017 - RINVIO RIUNIONE AL 3.3.2017 ORE 10.00

TORINO, TENTA LA FUGA RUBANDO SOLDI ALL'AGENTE DEL CARCERE MINORILE

SOLLICCIANO, MURI INAGIBILI E PARETI DI SABBIA IL GIGLIO E' DIVENTATO UNA GROVIERA

CHIUDERE IL CARCERE DI ISERNIA? UN ASSURDO

NAPOLI, ASPETTA IL PASSEGGIO DEI COMPAGNI DI CELLA E SI IMPICCA COI LACCI A POGGIOREALE

MASSA, ASPETTA IL PASSEGGIO DEI COMPAGNI DI CELLA E SI IMPICCA COI LACCI

SOLLICCIANO, ALLARMI FUORI USO LA FUGA E' UN GIOCO

POGGIOREALE, TROVATO MORTO IN CELLA I SINDACATI: ORA BASTA SI RISCHIA L'ESCALATION

RIORDINO DELLE CARRIERE: STRETTA FINALE. ESITI INCONTRO CON IL MINISTRO

2017: E C'È ANCORA QUALCHE GIORNALISTA CHE PARLA DI "GUARDIE CARCERARIE"...

VERBALE DEL 13 FEBBRAIO 2017: FORZE DI POLIZIA REVISIONE DEGLI ORDINAMENTI E DEI RUOLI. QUEL CHE DAVVERO HA DETTO IL SAPPE AL DI LÀ DELLE CHIACCHIERE DI QUALCUNO...

MASSA, DETENUTO SEMINA IL CAOS IN CARCERE

I SINDACI VALBORMIDESI INSORGONO PER L'INERZIA DEL GOVERNO SUL CARCERE

PROCEDURE DI MOBILITÀ A DOMANDA RUOLI DIRETTIVI POLIZIA PENITENZIARIA 2017

BUSTO ARSIZIO, DETENUTO SCATENATO IN CARCERE AGENTI ASSALITI A PUGNI E MORSI

IDEA CARCERE IN VALBORMIDA SAPPE: "UNA PRESA IN GIRO"

CASA CIRCONDARIALE DI FIRENZE SOLLICCIANO - EVASIONE DEL 20.02.2017

ON LINE IL NUOVO SAPPEINFORMA: RIORDINO, FESI 2017, MOBILITA DEI FUNZIONARI...

FIRENZE, CLAMOROSA FUGA DAL CARCERE DI SOLLICCIANO: EVADONO IN 3. SAPPE: ?EVASIONE ANNUNCIATA?.

F.E.S.I. ANNO 2017 - RINVIO RIUNIONE AL 24.2.2017 ORE 9.00

AIROLA, AVEVA LA DROGA NELLE PARTI INTIME, DETENUTO SCOPERTO DA UN POLIZIOTTO

ALLOGGI DI SERVIZIO, IL DAP RISCONTRA LA NOTA SAPPE

BOLOGNA, TENTA DI UCCIDERSI IN CELLA E' SALVO GRAZIE AGLI AGENTI

TRENTO CARCERE, ENNESIMA PROTESTA DEGLI AGENTI. LE PROVOCAZIONI DEGLI ANARCHICI

SALUZZO, CARCERE, SERVONO PIU' AGENTI

RIORDINO DELLE CARRIERE: SCHEDA SINTETICA DELLA BOZZA

>>   Rebibbia NC “Raffaele Cinotti”: la situazione raccontata dal Sappe (Giovanni Patrizi)

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria