Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

LOMBARDIA, POCHI AGENTI IN CARCERE. A LODI IL CONSIGLIO REGIONALE SAPPE LOMBARDIA

TARANTO, VIA DI COLPA L'ACQUA IN CARCERE. ED E' RIVOLTA

LODI, CONGRESSO REGIONALE SAPPE LOMBARDIA. "CARCERE, VA AUMENTATA LA CAPIENZA"

RIORGANIZZAZIONE MINISTERO GIUSTIZIA: ISTITUZIONE PRESIDI TERRITORIALI IN LUOGO DEI SOPPRESSI PP.RR.A.P

IVREA, FUNZIONI COMANDANTE DI REPARTO

IPM TORINO, RICHIESTA CONVOCAZIONE CAR UNITARIA

GRADUATORIA DEFINITIVA INTERPELLO NAZIONALE 2014 - RUOLI NON DIRETTIVI (AREA RISERVATA GLI ELENCHI)

F.E.S.I. 2014 - ISTRUZIONI DI PAGAMENTO

TARANTO, IN CARCERE MANCA L'ACQUA. TENSIONE E RISCHI

BOLOGNA, RILEVAZIONI ORGANIZZATIVE. RISCONTRO DIREZIONE

ISCRITTI AL SAPPE ALL'EXPO DI MILANO CON BIGLIETTI SCONTATI!

MODENA, NUOVO PADIGLIONE DETENTIVO GIA' INAGIBILE

ALBA, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO IN CARCERE, SALVATO DA UN AGENTE

"RISCHIAMO LA TUBERCOLOSI" A SAVONA SCOPPIA LA RIVOLTA

TORINO, DETENUTO AGGREDISCE AGENTI PENITENZIARI

CROTONE, RIAPERTURA CASA CIRCONDARIALE

PROBLEMATICHE NTP SPOLETO E TERNI

C. R. MASSA, APERTURA NUOVO PADIGLIONE

INTERPELLI CARICHE FISSE PARMA E NOTA PRAP

ESITI INCONTRO NUOVO ACCORDO QUADRO E PAGAMENTO FESI A LUGLIO!

VENEZIA, UN CIPPO AGII ARDITI DA RESTAURARE

S. CATALDO, LA DIREZIONE IGNORA I RICHIAMI DEL PRAP IMPRONTATI ALLA TRASPARENZA AMMINISTRATIVA!

BOLOGNA, LA DIREZIONE RISCONTRA LA NOTA DEL SAPPE SULLA MANUTENZIONE INTERNA

CARENZA ORGANICO CREMONA, NOTA UNITARIA

IMPERDIBILE IL SAPPEINFORMA! CONCORSI INTERNI VICE SOVRINTENDENTE, VICE ISPETTORE E ISPETTORE SUPERIORE; GRADUATORIE DEFINITIVE E TRASFERIMENTI; CAUSE DI SERVIZIO....

ALESSANDRIA, "UN ALTRO DETENUTO SALVATO DAGLI AGENTI"

DENUNCIA DEL SINDACATO SAPPE: POLIZIA PENITENZIARIA SENZA PIU' AUTOMEZZI. PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE A VIBO VALENTIA

IL DAP CONFERMA QUEL CHE DA TEMPO DICE IL SAPPE: AUMENTATE LE AGGRESSIONI CONTRO I POLIZIOTTI IN CARCERE!

POLIZIA PENITENZIARIA ALLA FESTA DI SAN GERARDO A POTENZA IL 29 E 30 MAGGIO

ALESSANDRIA, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO, SALVATO IN EXTREMIS

>>   Il Presidente della Repubblica riceve una rappresentanza del Corpo di Polizia in occasione della vigila del 198esimo anno di fondazione del Corpo

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 07/2015








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria