Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

PESARO, DETENUTI APPICCANO LE FIAMME

FROSINONE, DETENUTO TENTA IL SUICIDI, SALVATO

SAVONA, MALATO DI TUMORE: FA LA CHEMIO SCORTATO DAGLI AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA

CHIUDONO GLI OPG, INTERNATI IN GALERA: ROBA DA MANICOMIO

VENEZIA, ALTA TENSIONE A S.MARIA MAGGIORE. DETENUTO AGGREDISCE AGENTI

CAMPOBASSO, MORTE DETENUTO PER INFARTO. "LA PENITENZIARIA E' PRONTAMENTE INTERVENUTA"

CREMONA, ALTA TENSIONE A CA' DEL FERRO. SAPPE: "VIA DIRETTORE E COMANDANTE!"

ESITI COMMISSIONE RICOMPENSE, SEDUTA DEL 24.03.2015 - AREA RISERVATA -

OPG: "SARA' UN PROBLEMA GESTIRE LA SICUREZZA"

CAMPOBASSO, DETENUTO MUORE PER INFARTO. NULLA HA POTUTO FARE LA POLIZIA PENITENZIARIA

LUCCA, DETENUTO DA' FUOCO ALLA CELLA E TENTA DI AGGREDIRE AGENTI

PAPA A POGGIOREALE, SAPPE: UN FARO SUI DRAMMI DEL CARCERE

DETENUTI DISTRUGGONO LE CELLE OSPEDALIERE IN PUGLIA

LUCCA, DETENUTO AGGREDISCE GLI AGENTI E CERCA DI DAR FUOCO ALLA CELLA

PRAP POTENZA, SERVIZI ESTERNI CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA

I NUOVI REQUISITI DI ACCESSO AI TRATTAMENTI PENSIONISTICI ADEGUATI AGLI INCREMENTI ALLA SPERANZA DI VITA: LA LETTERA CIRCOLARE DELL'INPS!

MONTELUPO, INGOIA PILE E DA' FUOCO ALLA CELLA UN'ALTRA NOTTE DI FOLLIA ALL'OPG

PUGLIA: TROPPE AGGRESSIONI IN CARCERE, SERVONO LE BOMBOLETTE SPRAY

PENZOLAVANO CON IL CAPPIO AL COLLO: SALVI PER MIRACOLO. IL DRAMMA DEI TENTATI SUICIDI IN CARCERE

INGOIA LE PILE E DA' FUOCO ALLA CELLA, ALTRO DRAMMA ALL'OPG (IN CHIUSURA) DI MONTELUPO

BUSTO ARSIZIO, DOPO I CARABINIERI ANCORA AGGRESSIONI L'UOMO DEGLI SPARI PICCHIA GLI AGENTI IN CARCERE

IPM TORINO, COSTANTI VIOLAZIONI. NOTA UNITARIA

CUNEO, ERA AL 41 BIS: SI IMPICCA IN CELLA RAS DEL CLAN CHIERCHIA

IMPERIA, VISITA AL CARCERE. LE ACCUSE DEL SAPPE E LA REPLICA DEL DIRETTORE

OSPEDALE MILITARE, PRESTO SI SBLOCCANO LE PRATICHE,CHIUDE SAPPETIMES,VERRANNO AGGIORNATE LE PENSIONI PER CHI E' ANDATO IN PENSIONE PRIMA DELLO SBLOCCO

DESTINAZIONE NUOVI LOCALI NTP DI PARMA

PADOVA, IL SAPPE SULLA VICENDA DEI FALSI CERTIFICATI MEDICI AGLI AGENTI

IMPERIA: "CI HANNO VIETATO LA VISITA IN CARCERE CON MARCO SCAJOLA"

MENO DETENUTI MA CELLE ANCORA STRAPIENE: PRESENTATO IL RAPPORTO ANTIGONE. SAPPE. CONTESTAZIONE SAPPE

CARCERI, SAPPE: "RAPPORTO ANTIGONE INTERESSANTE MA OMETTE CONDIZIONI LAVORATIVE POLIZIOTTI PENITENZIARI"

>>   Sappe Times: sospensioni Facebook, interpelli, pensioni, Eternit

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 05/2015








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria