Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

ORVIETO, VIOLENTA LITE IN CELLA FRA TRE DETENUTI AGENTE TENTA DI SEDARE LA RISSA: FERITO

BOZZA RIORDINO DELLE CARRIERE: OSSERVAZIONI LIMITATAMENTE AI RUOLOI ISPETTORI/FUNZIONARI

RIALLINEAMENTO RUOLI DIRETTIVI E RIORDINO DELLE CARRIERE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA

ORGANICO DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA - CONVOCAZIONE 13.12.2016 ORE 9.30

CASSINO, CARCERE: CROLLA IL PAVIMENTO DELLA SALA REGIA NESSUN FERITO. SOPRALLUOGO ESEGUITO E BONIFICA

MANTOVA, TELEFONINO IN CELLA; DETENUTO DENUNCIATO

MANTOVA, TELEFONO IN CELLA NELLA BOMBOLA DEL GAS

ORVIETO, AGENTE AGGREDITO IN CARCERE

POTENZA, IMPIEGO DELLE RISORSE UMANE IN COMPITI AMMINISTRATIVO-CONTABILI

MELFI, VIOLAZIONE ACCORDI SINDACALI

PADOVA "140 AGENTI IN MENO, SIAMO DEGLI ALIENATI"

LA DENUNCIA DEL SAPPE AGENTI BISTRATTATI AL CARCERE DI CROTONE

MELFI UN CELLULARE DIETRO IL WC IN CELLA

UMBRIA, FIRMATO L'ACCORDO SUL FESI REGIONALE 2017

P.R.A.P. DELLA PUGLIA E BASILICATA, DISTACCAMENTO DI POTENZA: COORDINAMENTO OPERATIVO DELL?U.S.T.

MELFI AVEVA UN TELEFONINO IN CELLA BLITZ NELL'ISTITUTO PENITENZIARIO

MELFI, TROVATO IN UNA CELLA UN TELEFONO CELLULARE PERFETTAMENTE FUNZIONANTE

TERNI, L'AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA MUORE STRONCATO DA INFARTO. NOVE MESI FA LA STESSA SORTE PER IL FRATELLO

LAVORO STRAORDINARIO PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA ESERCIZIO FINANZIARIO 2017

NTERPELLO PER L'ACCESSO AL N.I.C. PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA

RIUNIONE DAP 23 NOV: ORGANICI DEL CORPO E CRITERI RIDUZIONE CONTINGENTI EXTRA MOENIA

LAVORI DELLA COMMISSIONE PER LE RICOMPENSE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA. ARRETRATO E PROSSIMA INDISPONIBILITÀ DEL PRESIDENTE

IMPERIA, CARCERE SAPPE, SCIOPERO CONTRO IL SOVRAFFOLLAMENTO

SALERNO, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

FUORNI, STATO DI AGITAZIONE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

CIVITAVECCHIA, "CI OPPORREMO ALL'ALTA SICUREZZA"

CALABRIA, LA DENUNCIA DEL SAPPE. "SUBITO GLI ISPETTORI NELLE CARCERI"

CIVITAVECCHIA, "NOI CALPESTATI: CI SERVE PIU' PERSONALE"

IMPERIA, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE

IL SAPPE AL MINISTRO: "ISPETTORI AD ARGHILLA'"

>>   Rebibbia NC “Raffaele Cinotti”: la situazione raccontata dal Sappe (Giovanni Patrizi)

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria