Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

TURI, ANCORA AGGRESSIONI IN CARCERE

SEDE DAP - PROPOSTA MONTE ORE LAVORO STRAORDINARIO CORPO POL.PEN. ANNO 2016

SICUREZZA E DIFESA, OO.SS E COCER CONTRO LO SMEMBRAMENTO DELLA FORESTALE

MOBILITA', INTERPELLO NAZIONALE ANNO 2016 - PERSONALE POLIZIA PENITENZIARIA RUOLI NON DIRETTIVI

MOBILITA', LE GRADUATORIE DEFINITIVE DELL'INTERPELLO NAZIONALE ANNO 2015! (AREA RISERVATA). REVOCA ENTRO IL 05.09.2016

LA POLIZIA PENITENZIARIA NEL MIRINO DELL'ISIS! L'ALLERTAMENTO DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

SPECIALE: LA SUCCURSALE ITALIANA DELL'ISIS

ANCORA TENSIONE A FUORNI DETENUTO PICCHIATO IN CELLA

SITUAZIONE ESPLOSIVA AL SANT'ANNA DI MODENA

ASTI, ECCO CHI HA SEMPRE PARLATO DI CARENZA DI PERSONALE, CON BUONA PACE DELLE SORPRENDENTI OMONIMIE TRA GIORNALISTI, COMANDANTI E SINDACALISTI...

VICENZA, NUOVO CARCERE PER DUECENTO "SISTEMIAMO ANCHE IL VECCHIO"

CC RIETI: PROTESTA CONDIZIONI CLIMATICHE CUCINA DETENUTI

USO ALLOGGI DELLE SCUOLE DI FORMAZIONE, IL DAP CHIEDE NOTIZIE ALLE DIREZIONI DOPO LA NOTA SAPPE

VICENZA, LA, PROTESTA, DEI SINDACATI "QUI E' ALLARME SICUREZZA"

SAN CATALDO, "RICONOSCIMENTO ALLA POLPENITENZIARIA"

CC RIETI: SAPPE DISERTA TAVOLO TECNICO PER PROTESTA CONTRO DIREZIONE

TANTISSIME LE NEWS NEL NUOVO SAPPEINFORMA: ASSUNZIONI, CONCORSI, FESI, CORREZIONI COMPITI V.ISP, NUOVO ACCORDO QUADRO...

CASA CIRCONDARIALE N.C. ROMA REBIBBIA - ORGANICI

GRAVE RISSA AL SANT'ANNA, DUE DETENUTI FERITI

MODENA, GLI AGENTI CHIEDONO IL TRASFERIMENTO IN MASSA

REGGIO CALABRIA, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO SALVATO DAGLI AGENTI

S. ANNA: DETENUTO TIRA OLIO BOLLENTE DURANTE UNA RISSA

SANT'ANNA, 130 POLIZIOTTI CHIEDONO IL TRASFERIMENTO

SALERNO, DETENUTO DA' FUOCO AL MATERASSO. GLI AGENTI CHIEDONO PIU' SICUREZZA

FUORNI: ISLAMICO TENTA LA FUGA, NAPOLETANO PESTATO A PUGNI

VICENZA, ARRIVA IL MINISTRO, SPERANZE E TENSIONI

LOMBARDIA, MANCATO PAGAMENTO INDENNITÀ DI MISSIONE NUCLEO OPERATIVO REGIONALE

GRAVI CRITICITÀ PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI MODENA

DECRETO DEL 2 MARZO 2016, SOPPRESSIONE PROVVEDITORATI: RICHIESTA INCONTRO

CASA CIRCONDARIALE DI REGINA COELI DI ROMA - N.T.P.

>>   Proselitismo jihadista nelle carceri: Andrea Orlando a Unomattina - 20 luglio 2016

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria