Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

ATTRIBUZIONE NOMINA "COORDINATORE" AD ASSISTENTI CAPO (ANNO 2010 E 2011)

COMMISSIONE DI GARANZIA - RINVIO CONVOCAZIONE DEL 27.2.2018

POTENZA, GARANTE NAZIONALE DETENUTI INTERVIENE SULLE CARENZE IGIENICO SANITARIE DEL REPARTO GIUDIZIARIO

RISCONTRO NOTA VICE CAPO DAP: CORRETTIVI DA APPORTARE AL RIORDINO DELLE CARRIERE - INTEGRAZIONE

CONCORSO INTERNO PER LA NOMINA A 643 VICE ISPETTORI, RISCONTRO NOTA SAPPE

MOBILITÀ A DOMANDA DEL PERSONALE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA - CONVOCAZIONE 1°.3.2018

STIPENDI ALLIEVI AGENTI

ALLOGGI DI SERVIZIO ANNESSI ALLA C.C. TRENTO. APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 6 E 13 DEL D.P.R. N. 314/2006

SCHEMA D.M. GIUSTIZIA PER L'INDIVIDUAZIONE NELL'AMBITO DELLA D.G. DEL PERSONALE E DELLE RISORSE DELL'UFFICIO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. CONVOCAZIONE 26.2.2018

ESITI COMMISSIONE RICOMPENSE, SEDUTA DEL 21.02.2018 - AREA RISERVATA-

AVERSA, INAUGURATA DAL SEGRETARIO GENERALE DONATO CAPECE LA SEGRETERIA SAPPE INTITOLATA ALLA MEMORIA DELL'AMICO E PRESIDENTE NICOLA CASERTA

PRAP TORINO, RISCONTRO COMUNICATO UNITARIO CONGIUNTO PRAP TORINO - SAPPE - OSAPP - SINAPPE E USPP

CONCORSO INTERNO 32 POSTI ISPETTORE SUPERIORE: LA DATA DELLA PROVA SCRITTA

RISCONTRO NOTA VICE CAPO DAP: CORRETTIVI DA APPORTARE AL RIORDINO DELLE CARRIERE

COMUNICATO UNITARIO CONGIUNTO PRAP TORINO - SAPPE - OSAPP - SINAPPE E USPP

CONCORSO 1220 AGENTI POLIZIA PENITENZIARIA: NUOVO RINVIO PER PUBBLICAZIONE BANDO CONCORSO

173 CORSO AGENTI, SCUOLA DI CAIRO MONTENOTTE: ACCERTAMENTI SU MALORI ALLIEVI. RISCONTRO DAP

RIFORMA PENITENZIARIA, AUDIZIONI AL SENATO: LE OSSERVAZIONI DEL DOTT. SEBASTIANO ARDITA

COMUNICAZIONE INDIZIONE CONFERENZA STAMPA PER IL GIORNO 16.01.2018 PRESSO LA C.C. DI POTENZA

SOLLECITO RISCONTRO DEL GOVERNO ALLA NOTA NOSTRA NOTA: A BREVE L'APERTURA TAVOLI CONTRATTUALI PER LA PARTE NORMATIVA

D.LGS. N.95 DEL 27 MAGGIO 2017 - NUOVE TABELLE EQUIPARAZIONE RUOLI PERSONALE FORZE DI POLIZIA E PERSONALE COMPARTO MINISTERI

CONTRATTO DI LAVORO, SOLLECITO APERTURA TAVOLO PARTE NORMNATIVA

CASA CIRCONDARIALE PALMI, CRITICA OPERATIVE

CONCORSO INTERNO PER LA NOMINA A VICE ISPETTORI: SOLLECITO DETERMINAZIONI

TRIESTE, GRANDE SUCCESSO PER IL CARNEVALE DEI BAMBINI SAPPE-SAP-CONAPO

I DIRIGENTI DEL DAP CONTINUANO NEL TENTATIVO DI ANNIENTARE L'IDENTITA E LE PREROGATIVE DI POLIZIA AL CORPO: ECCO L'ULTIMA PERLA!

TURI, SPACCIO AGENTI E RELAZIONI SINDACALI

PALERMO UCCIARDONE, DISFUNZIONI ORGANIZZAZIONE LAVORO DEL PERSONALE POLIZIA PENITENZIARIA

TORINO, ANNO NUOVO E PROBLEMI VECCHI...

MOBILITA' A DOMANDA DEL PERSONALE DEL RUOLO SOVRINTENDENTI

>>   22 gen 2018 - RINNOVO CONTRATTO - Intervento di Donato Capece

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 25/2017








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria