Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

CAMPANIA, SICUREZZA, SAPPE: SPRAY ANCHE ALLA PENITENZIARIA

MOLISE, SI' ALLA NOMINA DI POLIZIOTTI E MILITARI IN PUBBLICI INCARICHI DI COMPETENZA REGIONALE

FERRARA, PENA RIDOTTA PER LE CONDIZIONI IN CARCERE "UN PARADOSSO, DOMINA L'ANARCHIA"

CIVITAVECCHIA, AGENTE PENITENZIARIO PESTATO DA UN DETENUTO GEORGIANO

CAMPANIA, ESCALATION DI RISSE NELLE CARCERI

"SPRAY ANTI-AGGRESSIONE ANCHE ALLA PENITENZIARIA"

GELA, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO DANDO FUOCO AL MATERASSO

RIORGANIZZAZIONE MINISTERO GIUSTIZIA E AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA, LA PROPOSTA DEI SINDACATI

AGENTI PENITENZIARI IN RIVOLTA: DATECI GLI SPRAY ANTIAGGRESSIONI

LOMBARDIA, IN 6 MESI IN CARCERE 54 TENTATI SUICIDI

TENTATI SUICIDI, PAVIA MAGLIA NERA

IMPERIA, CARCERE "POLVERIERA" SENZA VERTICI E PERSONALE

LOMBARDIA. LA DISPERAZIONE REGNA DIETRO LE SBARRE OGNI 5 GIORNI UNA "PROTESTA ESTREMA"

REGGIO EMILIA, IL VICE PREFETTO HA INCONTRATO GLI AGENTI DEL SAPPE

TRADUZIONI DI DETENUTI PARAPLEGICI DI PARMA

TRASFERIMENTI, NO DEL DAP ALL'ACCOGLIMENTO DELLE ISTANZE DI REVOCA TARDIVE. LA NOTA MINISTERIALE

LA POLIZIA PENITENZIARIA IN AGITAZIONE A TARANTO

STIPENDI FERMI DA QUATTRO ANNI LA PROTESTA DEL SAPPE IN MOLISE

MOBILITAZIONE SAPPE UN SUCCESSO ANCHE IN BASILICATA

ABRUZZO, TANTE ADESIONI ALLA GIORNATA DI PROTESTA DELLE FORZE DELL'ORDINE

EMILIA ROMAGNA. "E' DURA FARE SICUREZZA A 1.300 EURO AL MESE"

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL MINSITERO DELLA GIUSTIZIA E DAP: LE OSSERVAZIONI DELLA MAGGIORANZA DELLE OO.SS (RIUNIONE RINVIATA 08.10.2014 ORE 14)

VESTIARIO POLIZIA PENITENZIARIA, IL DAP RISCONTRA LA NOTA DEL SAPPE

BUSTO ARSIZIO. IL CARCERE SI AMPLIA, "MA CHI PENSA A NOI GUARDIE?"

PORTO AZZURRO DETENUTO CERCA DI INTRODURRE IN CARCERE OVULI DI HASHISH, SCOPERTO

NOVARA. VIGILI DEL FUOCO E AGENTI "PRONTI ALLO SCIOPERO"

TERAMO. TRE ORE DI SCIOPERO PER LE FORZE DI POLIZIA

PENITENZIARI E VIGILI DEL FUOCO GUIDANO LA RISCOSSA A NOVARA: "PIU' SOLDI E RINFORZI"

RAGUSA. EMERGENZA SCABBIA IN CARCERE, ACCERTATI ALTRI 5 CASI

REGGIO EMILIA. "POCHI SOLDI E TANTI RISCHI, DUE GUARDIE AGGREDITE DA TUNISINI"

>>   Nicola Gratteri illustra le nuove procedure allo studio per le videoconferenze nelle carceri

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 27/2014








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria