Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

POZZUOLI, REDAZIONE PIL

SALERNO, PROBLEMATICHE STRUTTURALI E OPERATIVE

CHIAVARI, IL SOPRALLUOGO DI ROSSO CON IL SAPPE

ALBA, PERSONALE DEL CARCERE IN ASSEMBLEA SINDACALE

LODI, NIENTE RITORNO NE' RISARCIMENTO PER L'EX DIRETTRICE DEL CARCERE

EMERGENZA PSICHIATRIA A FUORNI "IN PERICOLO POLIZIOTTI E DETENUTI"

FUORNI, ALLARME IN PSICHIATRIA "AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA A RISCHIO"

POTENZA, CRITICITÀ OPERATIVE E GESTIONALI DEL PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA

CAMERINO, "TROPPI DETENUTI NEL CARCERE CAMERTE"

TOLMEZZO, POLIZIOTTO PENITENZIARIO AGGREDITO DA UN BOSS DEGLI SCHIAVONE

TRIESTE, CARNEVALE DEI BAMBINI

NUOVO CARCERE IL SITO DI RIFERIMENTO E' IN VALLE BORMIDA

ALBA, IL DESTINO DEL CARCERE ALBESE SARA' DISCUSSO SUI BANCHI DEL CONSIGLIO

REGGIO CALABRIA, CUSTODIA E GESTIONE MONOPOLIO

PALERMO UCCIARDONE, COORDINATORE UFFICIO SALA AVVOCATI E MAGISTRATI

ENNA, NTP: DIFFORMITÀ GESTIONE RISPETTO ALTRI NUCLEI PROVINCIALI DELLA REGIONE SICILIA

PDC 5 NOVEMBRE 2012, MOBILITA A DOMANDA E LEGGE 104/92

TRATTAMENTO PENSIONISTICO AL PERSONALE CESSATO DAL SERVIZIO DAL 2011 AL 2014, DURANTE IL PERIODO DI "BLOCCO" RETRIBUTIVO. INISIATIVA LEGISLATIVA.

REVISIONE DELL'ACCORDO QUADRO NAZIONALE

MARASSI, "LANCIO' DROGA IN CARCERE DALLA STRADA, CONDANNATELO A 8 ANNI"

CARCERI CHIUSE: IL SINDACO INCONTRERA' GLI AGENTI

FROSINONE, DISSERVIZI AREA SANITARIA ED AGGRAVIO LAVORO POLIZIA PENITENZIARIA

TERNI, ORGANIZZAZIONE UNITA OPERATIVE

CASSINO, RIVOLUZIONE IN CARCERE: PRESTO LABORATORI PER PRELEVARE IL DNA

REGGIO EMILIA, ALTA TENSIONE ALL'OPG, AGENTE FERITO

DONATO CAPECE: "CASSINO E' UN CARCERE SENZA UNA STRATEGIA PER LA SICUREZZA"

CREMONA, DETENUTO INCENDIA LA CELLA, INTOSSICATI DUE AGENTI

MANCATE ASSUNZIONI NEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA, LETTERA AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

POLIZIOTTO SOSPESO DAL MINISTERO: "ERA MEDIOCRE" VINCE IL RICORSO AL TAR: "ORA TORNO E CHIEDO I DANNI"

SARDEGNA, STATO DI AGITAZIONE NELLE CARCERI

>>   Intervento del Ministro Orlando al Convegno "La Polizia Penitenziaria nell'esecuzione penale esterna"

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 02/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria