Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

SALERNO, CARCERE AD ALTA TENSIONE, SI RISCHIA UNA RIVOLTA.

SAPPE CAMPANIA: DIREZIONE CC SALERNO RISPONDE E ADERISCE ALLE RICHIESTE

IMAM NON CONTROLLATI NELLE CARCERI ITALIANE

ALLOGGI E STRAORDINARIO - NOTA UNITARIA AL CAPO DAP

PALERMO, ALTA TENSIONE AL "MALASPINA" AGGREDITO UN POLIZIOTTO

TRASFERIMENTI PER ROMA REGINA COELI E CAMERINO: IN AREA RISERVATA GLI ELENCHI

REGGIO EMILIA, DETENUTO AGGREDISCE GLI AGENTI DI SCORTA

PALERMO, MALASPINA: AGGREDITO UN POLIZIOTTO

PARMA, COMPENSO DI LAVORO STRAODINARIO DEI 30 MINUTI PER LA VESTIZIONE DELLA DIVISA

CONCESSIONE CONGEDO ORDINARIO - CONCORSO 271 POSTI V. ISPETTORE POLIZIA PENITENZIARIA

PADOVA, L'AMMINISTRAZIONE CERCA DI 'TAMPONARE' SUI GRAVI FATTI AL DUE PALAZZI, MINIMIZZANDO...

MOSCHEE, CIBO E RAMADAN L'ISLAM VINCE DIETRO LE SBARRE

SEZIONI DI PG, OMOGENEIZZAZIONE RUOLI, DIREZIONE GENERALE POLIZIA PENITENZIARIA, PENSIONI: LETTERA AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

MODENA - NUCLEO PROVINCIALE TRADUZIONI E PIANTONAMENTI

INDENNITÀ DI PRESENZA PER I SERVIZI ESTERNI, SOLLECITO COSTITUZIONE TAVOLO TECNICO

TRIVENETO, NUOVA TUTA DI SERVIZIO. PROBLEMATICHE

PENSIONI, COSA PREVEDE LA NUOVA NORMATIVA

CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA, ADEGUAMENTO BUONI PASTO

FORLI, NOTA UNITARIA DI SAPPE E ALTRE OOSS SU CRITICITÀ ISTITUTO

LIGURIA, RICOVERI OSPEDALIERI

PADOVA, RESTA LA TENSIONE IN CARCERE. PARLANO GLI AGENTI: "SOLI E CON UN CANCELLO BLOCCATO"

VIGEVANO, DETENUTO DA' IN ESCANDESCENZE E ROMPE LA MANO DI UN AGENTE

FROSINONE. POLIZIOTTI AGGREDITI IN CARCERE, LA PROTESTA DEL SINDACATO SAPPE

PADOVA, RIVOLTA CHOC IN CARCERE "SI INNEGGIAVA ALL'ISIS"

SANREMO, DOPO IL SUICIDIO DI UN DETENUTO SOTTO ACCUSA L'ORGANIZZAZIONE INTERNA DEL CARCERE

SANREMO, MUORE SUICIDA IN CARCERE DETENUTO SERIAL KILLER

PROMOZIONE ALLA QUALIFICA DI AGENTE SCELTO, ASSISTENTE ED ASSISTENTE CAPO. NOTA DAP

LAVORO NEL GIORNO DI RIPOSO SETTIMANALE: ALTRO CHE STRAORDINARIO! IL DAP DISPONE IL RECUPERO SOMME GIÀ PAGATE!

COORDINATORI NUCLEI NN.TT.PP.; CORSI DI AGGIORNAMENTO. SI RIUNISCE LA COMMISSIONE FORMAZIONE

NEO VICE ISPETTORI ULTIMO CORSO: DIRITTO ALLE FERIE

>>   Decine di detenuti di fede islamica in rivolta al grido di "Allah" e "Isis" nel carcere di Padova

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 1/2015








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria