Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

ALTRI TOPI AL SANT'ANNA, IL SAPPE: "INTERVENTI RAPIDI OPPURE CHIEDIAMO IL COMMISSARIAMENTO DEL CARCE

LIGURIA, IL SAPPE CHIEDE PIU' TUTELA SANITARIA CONTRO POSSIBILI CONTAGI DA VIRUS

EMERGENZA PRATELLO RAFFICA DI DENUNCE AI GIOVANI DETENUTI

EBOLA, SAPPE ALZA LA GUARDIA: "SERVONO STRUMENTI"

MODENA, ALTRI TOPI IN CARCERE:ORA IL SAPPE CHIEDE IL COMMISSARIAMENTO

PARMA, MANCATA CONSEGNA DELLE UNIFORMI OPERATIVE E CASSA ANTICIPI MISSIONI NTP

PUGLIA - SBLOCCO STIPENDIALE, ECCO CHI REMA CONTRO

POLIZIA PENITENZIARIA, TRASFERIMENTO PER 70 FUNZIONARI E 480 ISPETTORI.

CARCERE DI POTENZA, ESCE DAL COLLOQUIO ED AGGREDISCE GLI AGENTI PENITENZIARI

SICILIA, MIGLIORARE IL LAVORO DEI POLIZIOTTI PENITENZIARI

NOTA DAP SU VIGILANZA DINAMICA, RIORGANIZZAZIONE GIUSTIZIA, VIRUS EBOLA. MA ZERO SULLA POLIZIA PENITENZIARIA...

ARIANO IRPINO, SOLLECITO PAGAMENTO ARRETRATI

AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN CAMPANIA: PARTONO I CORSI DI DIFESA PERSONALE

TOPI MORTI IN CARCERE A MODENA, L'ALLARME DEL SAPPE: "E' EMERGENZA MALATTIE INFETTIVE"

ASCOLI, CIFERRI SUICIDA IN CARCERE, IL DIARIO "LO DEVO FARE PER LA MIA FAMIGLIA"

POLIZIA PENITENZIARIA SENZA AUTO, A IMPERIA GLI AGENTI USANO MEZZI PROPRI

PALERMO PAGLIARELLI, STATO DI AGITAZIONE

RATTI E ZANZARE CASERMA AGENTI DELLA CASA CIRCONDARIALE DI MODENA - FOTO -

RAGUSA, PRESI ALTRI 2 SCAFISTI: IL CARCERE SCOPPIA

PESARO, ANCORA ATTI DI AGGRESSIONE IN CARCERE E I SINDACATI CRITICANO "L'AUTOGESTIONE"

POTENZA, NUOVA AGGRESSIONE DI DETENUTO AD AGENTE

ISPEZIONE DEI RADICALI NEL CARCERE DI VIBO

AUGUSTA, CELLE FATISCENTI E POCA SICUREZZA

UN ALTRO AGENTE FERITO IN CARCERE A POTENZA

PORDENONE. STUPRATORE EVASO INCHIESTA DEL PM DENTRO IL CARCERE

S. MARIA CAPUA VETERE. CARCERE, IN ARRIVO I NUOVI AGENTI DELLA PENITENZIARIA

S. MARIA CAPUA VETERE. CARCERE-CAOS, DOPO L'APPELLO ECCO I RINFORZI

IMPERIA, DOPPIO EVENTO CRITICO IN CARCERE. E I POLIZIOTTI USANO, PER SERVIZIO, LE AUTO PERSONALI...

S. MARIA CAPUA VETERE: TANTO TUONO' CHE PIOVVE...

PORDENONE. STUPRATORE EVASO VIOLENTA ANCORA: PER IL CARCERE NON ERA PERICOLOSO

>>   Sappe Times: riorganizzazione Giustizia, Fesi, rimborsi ai detenuti...

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 29/2014








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria