Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

POTENZA, DOMENICA SCORSA NUOVO EPISODIO: L'ULTIMO DI UNA LUNGA SERIE

VIETATO FUMARE, MA IN CARCERE LA LEGGE SIRCHIA È SOSPESA

CATANIA BICOCCA, PRECARIE RELAZIONI SINDACALI. RICHIESTA DI INTERVENTO AL PRAP

CAIRO, NELLA SCUOLA PER AGENTI L'IDEA DI UN POLO INTERFORZE

NAPOLI POGGIOREALE, TOPI NELLA MENSA DEGLI AGENTI

GIORNATA MONDIALE DEL FUMO, MENTRE IN CARCERE SI MUORE PER QUELLO PASSIVO

ALTRA ASSOLUZIONE. NUOVA SCONFITTA PER LA FAMIGLIA CUCCHI

SERVIZIO MILITARE, BENEFICI ECONOMICI. NOTA AL DIRIGENTE GENERALE DEL PERSONALE

RICORSI AVVERSO I RAPPORTI INFORMATIVI ANNUALI EX ARTICOLO 45, COMMA 4, D. LGS. 30.10.1992, N. 443

FUMO PASSIVO: APPLICAZIONE LEGGE N. 3 DEL 2003; DECRETO LGS N. 6 DEL 12 GENNAIO 2016 CHE RECEPISCE LA DIRETTIVA EUROPEA

EX CR. GORGONA- PUNTEGGIO INTERPELLO NAZIONALE MOBILITÀ PERSONALE POL.PEN.

FERRARA, POLIZIA PENITENZIARIA, TRASFERITO IL COMANDANTE

FERRARA, CAMBIO AL VERTICE DEL CARCERE DOPO LA PROTESTA DEI SINDACATI

SARDEGNA, CAMERE DI SICUREZZA OSPEDALI

AVELLINO, ROMENI CONTRO NAPOLETANI: DUE FERITI

A TUTTI I COLLEGHI DELLA REGIONE PUGLIA: NOTA DELLA SEGRETERIA REGIONALE SAPPE

ROMA, REGINA COELI: PARLA IL VICE SEGRETARIO REGIONALE SAPPE. "VI RACCONTO LA GALERA DI PASSAGGIO CON TANTI, TROPPI, CLIENTI ABITUALI"

"DROGA E ARMI IN CELLA ARRIVANO CON IL DRONE". LA DENUNCIA DEL SAPPE

MONZA, DETENUTO AGGREDISCE COMANDANTE E AGENTI

LANUSEI, MARIJUANA PER IL FRATELLO DETENUTO: DENUNCIATO

IMPERIA, IN CARCERE CON 7 ETTI DI COCAINA

IMPERIA, DETENUTO APPICCA IL FUOCO ALLA SUA CELLA ALA DEL CARCERE EVACUATA, 4 AGENTI INTOSSICATI

PRAP BARI , RICHIESTA URGENTE ALLE DIREZIONI DI NOTIZIE SU FUMO PASSIVO SEZIONI DETENTIVE

NAPOLI POGGIOREALE, RICHIESTA CONVOCAZIONE URGENTE ? DEFINIZIONE P.I.L. ? MOBILITÀ INTERNA

DISSERVIZI E CRITICITÀ RELATIVE AGLI ALLOGGI DEMANIALI SITI IN TORINO VIA ORVIETO N. 1

NAPOLI POGGIOREALE PROTESTA ED ASTENSIONE MENSA

NTP TORINO, TENSIONE LAVORATIVA E DISORGANIZZAZIONE: SOLLECITO DETERMINAZIONI ED ESITI INCHIESTA

46 TRASFERIMENTI DI ISPETTORI E SOVRINTENDENTI, IL RESOCONTO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SAPPE, LA FESTA DEL CORPO: QUESTO E ALTRO NEL NUOVO SAPPEINFORMA!

VIBO, ISTITUTO PENITENZIARIO MANCA IL PERSONALE

CARCERI, DOPO TRENT'ANNI SARA' L'ORA DELL'AMORE?

>>   Storia della Penitenziaria: dalle Famiglie di Giustizia alla Nascita del SAPPE

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria