Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

SUICIDI IN CARCERE, SAPPE: ?PERCHE? AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIMENTICA SEMPRE DI CITARE QUELLI SVENTATI DA POLIZIOTTI PENITENZIARI?"

CARCERI,IL PAPA CHIEDE L'AMNISTIA "MISERICORDIA PER IL GIUBILEO"

SAVONA, TROPPI DETENUTI E POCO PERSONALE IL SANT'AGOSTINO E' A RISCHIO

ALESSANDRIA, LANCIA BOMBOLE CONTRO GLI AGENTI IN CARCERE

VASTO, DETENUTO DA' IN ESCANDESCENZE E MANDA QUATTRO AGENTI ALL'OSPEDALE

BOLOGNA, DETENUTO KARATEKA STENDE TRE AGENTI

IL VERGOGNOSO VALZER DEI DETENUTI PSICHIATRICI. IL SEGRETARIO GENERALE DEL SAPPE INTERVISTATO DA PANORAMA

TERNI, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO IN CELLA

SPEZIA, RECORD DI DETENUTI STRANIERI

COMO, ACCUSATO DI TENTATO OMICIDIO SI UCCIDE IN CELLA 24 ORE DOPO L'ARRESTO

LECCE, NUOVI STRUMENTI PER IL CARCERE MA GLI EUROFONDI SONO INUTILIZZATI

CASSINO, AGENTE AGGREDITO IN CARCERE INSORGONO I SINDACATI

CASSINO, AGENTE PICCHIATO, FINISCE IN OSPEDALE

AUGUSTA, RICHIESTA SOSPENSIONE IMMEDITATA DI INTERPELLO PER UFFICIO SEGRETERIA

BENEVENTO, SAPPE: "STOP ALLE AGGRESSIONI IN CARCERE CONTRO GLI AGENTI"

VENETO, DROGA: "TERAPIA SI', LEGALIZZAZIONE NO"

CUNEO, AGENTE FERITO DA UN DETENUTO AL CERIALDO "ORA BASTA"

TERAMO, DETENUTO PSICHIATRICO AGGREDISCE DUE AGENTI

"SEI SUICIDI IN UN SOLO MESE, NELLE CARCERI E' EMERGENZA"

TERAMO, DETENUTO PSICHIATRICO AGGREDISCE DUE AGENTI

ALESSANDRIA, DETENUTO TENTA IL SUICIDIO. UN ALTRO AGGREDISCE AGENTE

AOSTA, CERCA DI SCAPPARE DOPO L'ARRESTO

CREMONA, SAPPE: "CHI TEME LE ISPEZIONI?"

CAIRO: IL COMUNE METTE ALL'ASTA LA PALAZZINA DELL'EX GIUDICE DI PACE

LIGURIA, UNITA' CINOFILA ALLA POLIZIA PENITENZIARIA

CREMONA, IL CARCERE E' UNA POLVERIERA SINDACATI CONTRO LA DIRETTRICE

CONVOCAZIONE U.S.PE.V.- POSTICIPO INCONTRO ORE 15.00

PUGLIA, PASSERELLE DI FERRAGOSTO...

CASTROGNO, ALTRI DUE TENTATIVI DI SUICIDIO E INFERMIERE AGGREDITO

MOLISE, "CARCERI MENO AFFOLLATE, MA SEMPRE AD ALTA TENSIONE"

>>   Intervista a Giovanni Battista DURANTE (Sappe) sulla situazione delle carceri e della Polizia Penitenziaria.

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 12/2015








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria