Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

CPA SECONDIGLIANO, CONFRONTO DIREZIONE-SAPPE

CARCERE DI CASTROGNO AL FREDDO E AL GELO EVACUATI 120 DETENUTI

ORVIETO, IL SAPPE IN AGITAZIONE CONTRO IL DIRETTORE: "SALVIAMO IL CARCERE MODELLO DI VIA ROMA

SPINI, AGENTI IN STATO DI AGITAZIONE

NAPOLI, AGENTE AGGREDITO IL SINDACATO: TROPPE VIOLENZE NELLE CARCERI

CGM TORINO, RICHIESTA INCONTRO URGENTE E CONTESTUALE SOSPENSIONE INTERPELLO

NAPOLI, AGENTE PICCHIATO E PRESO A TESTATE DA UN DETENUTO A POGGIOREALE

MILANO BECCARIA, "ADOLESCENTI EMARGINATI E POVERI LA RABBIA LA METTIAMO IN CONTO"

ALESSANDRIA, AL SAN MICHELE PROMESSI RINFORZI DOPO LA PROTESTA

E IL MINISTRO VUOLE TOGLIERE IL REATO DI CLANDESTINITA'

TRENTO, ANCORA NUOVI DETENUTI A SPINI

«FORZE DELL'ORDINE, CI SONO LE RISORSE PER GLI 80 EURO»: CONFERMATO QUEL CHE È SCRITTO SUL SAPPEINFORMA N. 2/2017

ORVIETO, "RICONVERTIRE IL CARCERE" E IL SAPPE SI SCATENA

PENITENZIARIA A RISCHIO, ANCORA UN'AGGRESSIONE A POGGIOREALE

TERAMO, IN CARCERE E' RISCHIO DISORDINI

RECUPERO SOMME LAVORO STRAORDINARIO ECCEDENTE 36 ORE- NON PAGATE: NEWS DALLA PUGLIA

SIRACUSA, "POCHI POLIZIOTTI, TROPPI DETENUTI"

FERRARA, "IL RISCHIO PROSELITISMO E' CONCRETO SERVONO AGENTI CHE PARLINO ARABO"

VICENZA, SI UCCIDE IN CELLA L'OMICIDA NEL CAMPO A ZANE'

ORVIETO, CARCERE, PERSONALE IN AGITAZIONE

MILANO, LE BOTTE DEL BRANCO E LA RIVOLTA AL BECCARIA

PERSONALE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA FESI ANNO 2017: CONVOCAZIONE PER IL GIORNO 31 GENNAIO

TRENTO, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE UNITARIO

MANTOVA, DETENUTO FINISCE IN OSPEDALE

BRESCIA, "SI' AL NUOVO CARCERE MA SERVONO PIU' AGENTI"

MODENA, RADICALIZZAZIONE AL SANT'ANNA: MONITORATA UNA DECINA DI DETENUTI

MESSINA, PERRONE, NUOVO ALLARME: AGENTI AGGREDITI IN CARCERE

BONUS 80 EURO: SARANNO PAGATI? COME E QUANDO LO SPIEGHIAMO NEL NUOVO SAPPEINFORMA! E ANCHE SU RIALLINEAMENTO E RIORDINO...

INACCETTABILE SOSPENSIONE DELL'ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELEL INFRAZIONI AL CODICE DELLA STRADA DA PARTE DEL PERSONALE DI POLIZIA PENITENZIARIA

PADOVA, TROVATI 3 CELLULARI DENTRO I SECCHI DELLA BIANCHERIA

>>   Rebibbia NC “Raffaele Cinotti”: la situazione raccontata dal Sappe (Giovanni Patrizi)

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria