Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

RISCHIO COLLASSO CC TERAMO

BASILICATA, NOTA CONGIUNTA SERVIZIO DI MISSIONE DA C.C. MATERA A C.C. TARANTO

NAPOLI, CHI PREDICA BENE MA POI RAZZOLA MALE... MOBILITÀ ANOMALA PERSONALE NOTP SECONDIGLIANO, MANCATA INFORMATIVA

RIETI, DETENUTO EGIZIANO TENTA IL SUICIDIO, UN AGENTE LO SALVA

REGGIO EMILIA, DAL CARCERE ALL'OSPEDALE E' UN BOOM DI RICOVERI

MANCATA EQUA DISTRIBUZIONE SERVIZI E FESTIVI PERSONALE POL.PEN NTP BICOCCA

LAMENTELA PERSONALE POLIZIA PENITENZIARIA NTP SIRACUSA

BASILICATA, IL BOLLETTINO DI GUERRA DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

BASILICATA, "TUTELARE I BASCHI AZZURRI DAL FUMO PASSIVO"

VASTO, CASA CIRCONDARIALE, LA MENSA AGENTI SI RIFA' IL LOOK

CARCERE DI LUCERA: CONTINUA LA PROTESTA DEI POLIZIOTTI

FUGA IN COPPIA DAL BECCARIA, RIPRESO IL PIU' GIOVANE

CAGLIATI, TENTA DI IMPICCARSI IN CARCERE DETENUTA SALVATA DAGLI AGENTI A UTA

VELLETRI, CARCERE, GLI AGENTI: "SIAMO POCHI, SICUREZZA A RISCHIO"

CRITICITÀ ISTITUTI EMILIA ROMAGNA: MANIFESTAZIONE REGIONALE DI PROTESTA, 28 GIUGNO 2016 ORE 10,00 PRESSO IL PRAP DI BOLOGNA

PIEMONTE, LIQUIDAZIONI INDENNITA' MISSIONI E GESTIONE ORGANIZZATIVA

SISTEMA RELAZIONI SINDACALI - REGIONE EMILIA ROMAGNA

CRIMINALI, ATTENTI ALLA BANCA DATI DEL DNA (IL SAPPE SUL SETTIMANALE PANORAMA)

VASTO, DOPO LA PROTESTA DEL SAPPE PER LE CONDIZIONI DELLA MENSA, ANCHE IL SINDACO VISITERA' IL CARCERE

VASTO, CHIUSA LA MENSA DELLA POLIZIA DOPO LE PROTESTE DEL SAPPE

L'OMBRA DI GOMORRA SUI CONCORSI DI POLIZIA PENITENZIARIA E PS

LAZIO, FIRMATO L'ACCORDO FESI 2015

LUCERA, PROTESTA LA POLIZIA PENITENZIARIA

TERNI, LA MENSA DELLA CASA CIRCONDARIALE FINISCE SOTTO ACCUSA PER IL SAPPE "NON C'E' ABBASTANZA CIBO

BARCELLONA P.G., IL SAPPE: DETENUTO TROVATO SENZA VITA IN CELLA

FROSINONE E VELLETRI, CARCERI, E STATO DI AGITAZIONE

FROSINONE E VELLETRI, ORGANICI INSUFFICIENTI POLIZIA PENITENZIARIA SUL PIEDE DI GUERRA

SALUZZO, "DUE AGENTI DELLA PENITENZIARIA AGGREDITI E FERITI DA UN RECLUSO"

DISTACCAMENTO CINOFILO DI AVELLINO, ASSEGNAZIONE PROVVISORIE

CAMPANIA, LE CRITICITA' DENUNCIATE DAL SAPPE

>>   Più di 8 mila detenuti in eccesso nelle carceri italiane rispetto ai 4 mila pubblicizzati dal DAP

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria