Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

S. CATALDO, DETENUTO AGGREDISCE AGENTE

RIETI, BANDO ALLE CHIACCHIERE DEI SOLITI NOTI

MILANO, ARRESTATO IL DETENUTO EVASO

PORDENONE, POCA SICUREZZA IN CARCERE. INCONTRO A PADOVA IL 18.12.2014

TRE AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO A GAZZI

PADOVA, TELEFONINI E GRAPPA IN CELLA. LA DENUNCIA DEL SAPPE

RUOLO DIRETTIVO ORDINARIO E SPECIALE, RAPPORTI INFORMATIVI ANNO 2014

GENOVA MARASSI, E' PATRIZIA COSTA LA POLIZIOTTA DELL'ANNO

PRESO DETENUTO PERUVIANO EVASO A MILANO. ERA FUGGITO DA FATEBENEFRATELLI MENTRE ERA IN ATTESA INTERVENTO

S. CATALDO, DETENUTO AGGREDISCE AGENTE PENITENZIARIO DURANTE UN CONTROLLO

CIVITAVECCHIA, RECLUSO TENTA SUICIDIO: SALVATO DAGLI AGENTI

PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE IN PRIMA NOMINA DEI VICE ISPETTORI: NUOVE SEDI

ESITO PROVE SCRITTE CONCORSO INTERNO PER LA NOMINA ALLA QUALIFICA DI ISPETTORE SUPERIORE DEL RUOLO MASCHILE

MESSINA, TRE AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO

ARIANO, DROGA NEL REGALO DI NATALE

NOVARA, TENSIONE IN CARCERE "MANCA IL CONFRONTO CON LA DIREZIONE

RAPPORTI INFORMATIVI ANNO 2014: LE INDICAZIONI DEL SAPPE

LAVORO STRAORDINARIO PERSONALE POL.PEN. ESERCIZIO FINANZIARIO 2015

ENTE DI ASSISTENZA, SUSSIDI 2014: I SOLDI STANZIATI E RIPARTITI IN PERIFERIA

VARESE, AGENTI ARRESTATI. FATTO GRAVE, MA NON SI CRIMINALIZZI LA POLIZIA PENITENZIARIA

AIROLA E NISIDA: MAGGIORENNI TRASFERITI IN CARCERE MINORILI, C'È TENSIONE

MILANO, EVADE DALL'OSPEDALE PRIMA DELL'INTERVENTO

NOVARA, PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE

PARMA, LETTO A FUOCO IN CELLA. AGENTI INTOSSICATI

PADOVA: CHIAVETTE USB E TELEFONINI IN CELLA

PESCARA, TENTA IL SUICIDIO IN CELLA. SALVATO DAGLI AGENTI

VARESE, ARRESTATI 5 AGENTI. SAPPE: "NON GETTARE FANGO. POLIZIA PENITENZIARIA E' SANA"

S. MARIA CAPUA V., CHIESTO VERTICE PER IL CARCERE

VERONA, PET THERAPY IN CARCERE. SAPPE: FATE LAVORARE I DETENUTI

SANTI CONSOLO IL NUOVO CAPO DAP, IL SAPPE A RAITRE, TRASFERIMENTI ISPETTORI...

>>   Alloggi fatiscenti Polizia Penitenziaria - Mi Manda RAI3

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 32/2014








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria