Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

LA GIUSTIZIA MINORILE RISPONDE ALLE OO.SS SULLO STATO DI AGITAZIONE DELL'IPM DI ROMA: A BREVE INCONTRO CON I DIRIGENTI COMPETENTI

ROMA, NOTA UNITARIA STATO D'AGITAZIONE IPM ROMA

SFAP PARMA, PASSAGGIO CONSEGNE ? ARTT. 26 E 28 CO. 3 DEL REGOLAMENTO DI SERVIZIO. SOLLECITO

ROMA, CASAL DEL MARMO. CELLE DEVASTATE SCOPPIA LA PROTESTA TRA I BABY DETENUTI

MONZA, PERQUISIZIONE IN CARCERE: TROVATA DROGA NELLE CELLE

L'AQUILA, UN DETENUTO PIANTONATO IN OSPEDALE DA DIECI AGENTI

TERRORISMO ISLAMICO, ALLERTA NELLE CARCERI

CRITERI DI MASSIMA PER PROMOZIONE A COMMISSARIO COORDINATORE (TRIENNIO 2015/2017) E A COMMISSARIO (TRIENNIO 2014/2016)

"SANT'ANNA, SITUAZIONE CRITICA I PARLAMENTARI SONO CON NOI"

SALUZZO, "SPUTI, CALCI E SPINTONI A UN AGENTE IN CARCERE"

SANREMO, DETENUTO CON PUNGIBALL PICCHIA DUE AGENTI

MONZA, BLITZ ANTIDROGA IN CARCERE TROVATA COCAINA SOTTO IL LETTO DI DUE DETENUTI

LOMBARDIA, CARCERI SOVRAFFOLLATE: STRANIERI LA META' DEI DETENUTI. GLI AGENTI: NESSUNO CI HA ADDESTRATO CONTRO IL TERRORE

ALLE ISCRITTE ED AGLI ISCRITTI SAPPE, A TUTTE LE POLIZIOTTE E A TUTTI I POLIZIOTTI PENITENZIARI... BUON FERRAGOSTO!

AGENTE SUICIDA A MASSA, IL DAP NEGA LA TRASFERTA AI COLLEGHI PER LE ESEQUIE...

CASSINO, AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO

AVELLINO, DROGA NELL'ANO DESTINATA AL CARCERE

CASSINO, AGGREDISCE AGENTI DELLA PENITENZIARIA NEL TRASFERIMENTO A ROMA E LI FERISCE

SUICIDA AGENTE DI POGGIOREALE, STRAGE SILENZIOSA NELLE CARCERI

IL WELFARE DEI CLAN NON E' MAI IN CRISI

CASSINO, AGENTI AGGREDITI DA UN DETENUTO

CASSINO, TRE AGENTI PENITENZIARI AGGREDITI DA UN DETENUTO

VIGEVANO, IN CELLA COL TELEFONO, IL SAPPE VUOLE STRUMENTI PER I CONTROLLI

MASSA, AGENTE PENITENZIARIO MUORE IN SERVIZIO

AGENTE PENITENZIARIO SI IMPICCA NELLA SUA ABITAZIONE

CARCERI, DUE AGENTI SUICIDI IN DUE GIORNI, A MASSA E NAPOLI: LA STRAGE SILENZIOSA...

PUGLIA, CHE FINE HANNO FATTO I RICORSI DI "ROBIN"?

TRE FESTE NELLE CELLE DOPO LE STRAGI TRASFERITI I DETENUTI RADICALIZZATI

PROCEDURA DI INTERPELLO DI SELEZIONE DEL PERSONALE PER L'UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELLE PERSONE DETENUTE

RIORGANIZZAZIONE MINISTERO GIUSTIZIA, CONVOCAZIONE GIORNO 18.8.2016 ORE 14.00

>>   Proselitismo jihadista nelle carceri: Andrea Orlando a Unomattina - 20 luglio 2016

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria