Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

NUOVO DIARIO PROVE SCRITTE DEL CONCORSO A 300 ALLIEVI AGENTI DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA MASC

RIORDINO DELLE CARRIERE: ECCO IL PROVVEDIMENTO PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

ANNULLATI I CONCORSI DA AGENTE - 300 POSTI UOMO E 100 POSTI DONNE

NUOVO DIARIO PROVE SCRITTE DEL CONCORSO A 100 ALLIEVI AGENTI DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA FEMM

NAPOLI, PAURA NEL CARCERE DI POGGIOREALE FIAMME IN UNA CELLA

SALERNO, RISSA FRA DETENUTI, FERMATI IN QUATTRO

FERRARA, AGENTI NEL CAOS, LA RABBIA DEL SAPPE

VITERBO, LA PROTESTA DELLA POLIZIA PENITENZIARIA "AGGRESSIONI E CARENZE DI PERSONALE"

ASSEGNAZIONE DEFINITIVA DEL COMANDANTE DEL REPARTO II PP DI REGGIO EMILIA

VELLETRI, SUICIDIO DETENUTO IN CARCERE. SAPPE: SOTTOVALUTATO NOSTRO ALLARME BOMBOLETTE

PAOLA, SUICIDI IN CARCERE RISPOSTA DEI MINISTRI AGENTI ESTRANEI AI FATTI

PISA, "UN ATTACCO PERICOLOSO E GRAVE E' UN SEGNALE DA NON SOTTOVALUTARE"

PISA, DETENUTO BRUCIA MATERASSO "DON BOSCO AD ALTA TENSIONE"

SALERNO, RISSA TRA DETENUTI CON COLTELLO FERITI IN QUATTRO

PISA, NORDAFRICANO DA' FUOCO A UN MATERASSO

PISA, "SICUREZZA E CARENZE NESSUNO ASCOLTA LE NOSTRE RICHIESTE"

NAPOLI, FIAMME A POGGIOREALE, SFIORATA LA STRAGE

PRATO SUICIDA IN CELLA COL GAS E UN SACCHETTO "MENZOGNE SU DI ME"

NAPOLI, PRESUNTE VIOLENZE E "CELLA ZERO": INTERVIENE IL SAPPE

TRIESTE, "CARCERE AFFOLLATO, SEMPRE PIU' RISSE"

ARIANO IRPINO, FURGONE DELLA PENITENZIARIA IN FIAMME SULL'A16: E' POLEMICA

TORINO, ROM DI 22 ANNI EVADE E LASCIA LA FIGLIA DI UN ANNO E MEZZO

PISA, ESPLOSIONI NELLA NOTTE: TRE MOLOTOV COLPITA LA POLIZIA PENITENZIARIA

CONCORSO AGENTI: ECCO LE DATA DELLA BANCA DATI QUIZ ED I CALENDARI DELLE PROVE

EMERGENZA IDRICA ARIANO IRPINO

CAMPANIA, NUCLEI PROVINCIALI MOBILITÀ E RICHIESTA CHIARIMENTI

PERUGIA, DIETRO LE SBARRE I CONTI NON TORNANO POCHI AGENTI E RECLUSI TROPPO "LIBERI"

FORLI, CARCERE, DUE AGENTI AGGREDITI

PADOVA, "DUE PALAZZI, SITUAZIONE INSOSTENIBILE"

NUOVO SISTEMA INFORMATIVO SIAT 2.0 FORMAZIONE FOCAL POINT

>>   Carcere Perugia Capanne: SAPPE denuncia le criticità del penitenziario

Area Riservata - Registrati - Ricorda Password
Username
Password
  
 
 >Circolari DAP Circolari DAP  >Circolari DAP Guide Sappe  
 Rubrica indirizzi Polizia Penitenziaria Indirizzi Carceri/UfficI  >Circolari DAP Convenzioni Sappe  

Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Cosa è il BURNOUT?

Cosa è il BURNOUT? - Partecipa al TEST

DEFINIZIONE

Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di aiutare il prossimo nella sfera sociale, psicologica, etc. Si parla quindi di infermieri, medici, psicologi, psichiatri, assistenti sociali, preti ecc. Queste figure sono caricate da una duplice fonte di stress: il loro stress personale e quello della persona aiutata. Ne consegue che, se non opportunamente trattate, queste persone cominciano a sviluppare un lento processo di "logoramento" o "decadenza" psicofisica dovuta alla mancanza di energie e di capacità per sostenere e scaricare lo stress accumulato. Letteralmente burnout sigifica proprio "bruciare fuori". Dunque è qualcosa d’interiore che esplode all’esterno e si manifesta.


DESCRIZIONE
Burnout è il “non farcela più”, l’insoddisfazione e l’irritazione quotidiana, la prostrazione e lo svuotamento, il senso di delusione e di impotenza di molti lavoratori e conduce gli operatori a diventare apatici, cinici con i propri “clienti”, indifferenti e distaccati dall’ambiente di lavoro.
In casi estremi tale sindrome può comportare gravi danni psicopatologici (insonnia, problemi coniugali o familiari, incremento nell’uso di alcol o farmaci) e deteriora la qualità delle cure o del servizio prestato dagli operatori, provocando assenteismo e alto turnover.

L’azione patogena degli stressors protratti nel tempo, argomento su cui è ormai disponibile una ampia casistica perimentale e clinica, anche se originariamente ristretti all’ambito lavorativo, può determinare reazioni disadattative che si estendono alla sfera extralavorativa fino a favorire l’insorgenza di quadri nevrotici o epressivi . Risulta confermata, anche a livelli subclinici, l’ipotesi di una corrispondenza fra grado di burnout lavorativo e manifestazioni sintomatologiche dell’ansia, in particolare con le sue espressioni somatiche e con le modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo, quali indicatori di un disagio lavorativo che tende a coinvolgere aspetti più generali della personalità del lavoratore.

PARTECIPA AL QUESTIONARIO SUL BURNOUT DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Burnout della Polizia Penitenziaria